QR code per la pagina originale

Fortnite, qualcuno ha hackerato l’account di Drake

Nel corso di un evento di beneficenza tenuto da Ninja, un hacker è riuscito a manomettere l'account Fortnite del rapper Drake.

,

Il celebre rapper Drake è un giocatore di Fortnite abbastanza abile, ma potrebbe avere una o due cose da imparare per quanto riguarda la sicurezza online. Mentre il famoso streamer Ninja teneva un evento di beneficenza, lo scorso 23 novembre, improvvisamente qualcuno si è unito alla partita utilizzando l’account di Drake (Duddus647): non era tuttavia il cantante ad avere il controller in mano e lo si è scoperto nel giro di pochi secondi, non appena l’utente ha cominciato a lanciare insulti razzisti uno dopo l’altro. Ninja è stato costretto ad abbandonare la partita in corso e ha dichiarato che avrebbe mandato un messaggio a Drake per avvertirlo dell’hacking in corso e segnalato l’utente a Epic.

Non c’erano conferme che si trattasse effettivamente del profilo ufficiale del rapper, ma Ninja era abbastanza sicuro che fosse il suo (il nome dell’account corrispondeva e il numero 647 è il prefisso della città natale di Drake, a Toronto). Trattandosi del battle royale più famoso al Mondo, è chiaro che gli hacker intenzionati a molestare gli utenti più noti non manchino, motivo per cui Drake, così come molti altri, dovrebbero prendere seriamente in considerazione l’autenticazione a due fattori, consigliata da Epic Games stessa per la protezione dei dati personali (oltre che dei progressi in-game).

Fortnite è un titolo che continua ad accrescere la sua popolarità anche a distanza di tempo dall’uscita. Basti pensare che intorno alla metà del mese ha raggiunto un vertiginoso picco di 8,3 milioni di utenti contemporanei, merito anche delle sfide in esclusiva per il suolo coreano. Una velocità di crescita spaventosa, quella del gioco di Epic: fino allo scorso febbraio, difatti, il massimo storico raggiunto dal titolo era di 3,4 milioni di giocatori contemporanei.