QR code per la pagina originale

PlayStation Classic hackerata

,

Continuano le operazioni di hacking di PlayStation Classic, la mini console di Sony da pochi giorni giunta sugli scaffali dei negozi e già oggetto del desiderio di diversi hacker. Dopo la scoperta di una falla nel sistema di sicurezza che permette di accedere alle impostazioni nascoste dell’emulatore, arriva – come riporta Ars Techica – la notizia che alcuni hacker hanno scovato un exploit grazie al quale è possibile caricare nuovi giochi su PlayStation Classic.

Semplicemente attraverso la porta seriale due hacker sono riusciti a scaricare il codice sorgente del sistema operativo di PlayStation Classic. Risultato? All’interno del sistema i due sono riusciti a scoprire che i dati sono, sì ,protetti da crittografia, ma la chiave per sbloccarli si trova (nascosta) all’interno del sistema stesso. Non sufficientemente nascosta per i due hacker, evidentemente, che sono riusciti a scovarla.

Protagonisti di questo hacking  Yifanlu e Madmonkey1907 – questi i loro pseudonimi web – i quali hanno inoltre scoperto che la piccola console non esegue alcun check di sicurezza iniziale all’avvio, il che consente il caricamento di qualsiasi tipo di contenuto sulla mini console Sony.

Al momento, però, i due hacker hanno fatto sapere di essere riusciti a caricare solamente un file ISO (immagine virtuale del gioco) di Crash Bandicoot (come si può vedere dal video sottostante). Oltre a questa prima violazione, in rete ci sono diversi tutorial che spiegano come aggirare i sistemi di sicurezza e caricare i giochi della prima PlayStation tramite una chiavetta USB. Operazione però non semplice per i meno “smanettoni” e che richiede alcune modifiche al software che potrebbero bloccare la console.

È di qualche giorno fa inoltre la notizia secondo la quale Sony avrebbe scartato ben 36 titoli dalla line-up di videogiochi presenti nella piccola PlayStation Classic.

 

Fonte: Arstechnica • Immagine: Sony