Ecobonus, incentivi per le auto elettriche

Il Governo trova la quadra sugli incentivi per le auto elettriche; sino a 6.000 euro per le EV e sino a 2.500 euro per le ibride plug-in.

Il Governo ha finalmente trovato la quadra sull’Ecobonus che sarà molto differente da come era stato annunciato all’inizio. La riformulazione della manovra è stata resa necessaria per risolvere soprattutto la questione dell’Ecotassa che tante proteste aveva generato e per fare in modo che gli incentivi andassero davvero solamente alle auto green. L’Ecobonus sarà inserito all’interno delle Legge di Bilancio che è in via di approvazione.

Ecobonus, tutto quello che c’è da sapere

Gli incentivi riguarderanno sia le auto elettriche che le ibride anche se in questo caso quasi esclusivamente le versioni plug-in. Quello che fa fede è l’emissione di CO2. Tutte le auto che producono sino a 20 g/Km di CO2, sostanzialmente solo le elettriche, potranno godere di 6.000 euro di incentivo a patto, però, che le persone rottamino un’auto Euro 0, 1, 2, 3, 4. Se non si dispone di un’auto da rottamare, l’incentivo scende a 4.000 euro.

La rottamazione è una delle principali novità dell’Ecobonus. Il testo originale, infatti, non prevedeva questo requisito. Per le auto che producono, invece, da 21 a 70 g/Km di CO2, sostanzialmente quasi solamente le ibride plug-in, l’incentivo passa a 2.500 euro con rottamazione o a 1.500 euro senza rottamazione. In tutti i casi, l’auto acquistata non dovrà superare il valore di 54.900 euro. In caso contrario l’incentivo non sarà erogato. I valori di CO2 di riferimento sono quelli del vecchio ciclo di omologazione NEDC. L’Ecobonus sarà valido per tutte le auto acquistate dal primo marzo 2019 sino al 31 dicembre 2021. Ovviamente, i fondi non saranno illimitati: 70 milioni di euro per il 2019 e 60 per i due anni successivi.

Gli incentivi, però, non riguarderanno solamente la auto green. Sono in arrivo anche bonus per gli scooter elettrici o ibridi e detrazioni fiscali (50% in 10 anni) per chi intende installare una wallbox in casa per ricaricare il proprio mezzo elettrico.

Ecotassa, tutto quello che c’è da sapere

Accanto agli incentivi arriva anche una tassa per le auto inquinanti. Proprio questo aspetto è stato il più discusso per trovare un modo per evitare che fossero colpite anche le utilitarie. L’Ecotassa è stata, quindi, rimodulata e sarà sempre calcolata in base alle emissioni di CO2 nel ciclo NEDC. Lo schema della tassa che varrà solo per le nuove auto acquistate dal primo marzo 2019, sarà il seguente:

  • 161-175 g/km: 1.100 euro
  • 176-200 g/km: 1.600 euro
  • 201-250 g/km: 2.000 euro
  • sopra i 250 g/km: 2.500 euro

La tassazione non si applicherà alle auto per disabili, veicoli blindati, camper e auto funebri.

Gli incentivi nascono con l’obiettivo di spingere gli italiani verso la mobilità elettrica, per alleviare l’alto tasso di inquinamento di molte città italiane.

Ti potrebbe interessare
Arriva la Facebook SIM, prodotta da Gemalto
Google

Arriva la Facebook SIM, prodotta da Gemalto

Facebook e Gemalto hanno stretto un accordo per creare una SIM card che permetta l’integrazione con il social network utilizzando i servizi offerti da un qualsiasi cellulare GSM. Dopo la presentazione di due smartphone HTC con un pulsante dedicato alla piattaforma di Mark Zuckerberg, arriva dunque anche la Facebook SIM, e il gruppo di Palo

Presentata la nuova Pentax 645D
Imaging

Presentata la nuova Pentax 645D

FOWA ha presentato la nuova Pentax 645D, la prima reflex digitale medio formato del costruttore nipponico destinata ai professionisti e dotata di parecchie funzionalità e tecnologie interessanti.Le caratteristiche tecniche della Pentax 645D consistono infatti in un display LCD da 3 pollici con 921.000 punti, un sensore CCD da 33×44 mm e 40 milioni di pixel

Vodafone e Microsoft insieme per lanciare il nuovo messanger
Google

Vodafone e Microsoft insieme per lanciare il nuovo messanger

Vodafone e Microsoft annunciano da Barcellona un nuovo accordo di collaborazione che vede la realizzazione di un servizio di instant messaging sia per PC che telefonini cellulari. Chi non ha mai pensato di voler utilizzare il suo caro MSN sul telefonino? Con la possibilità di portare con sè i propri contatti ed essere informato quando

Kaspersky difende Microsoft dalle accuse McAfee
Software e App

Kaspersky difende Microsoft dalle accuse McAfee

Kaspersky corre in aiuto di Microsoft: Vista non è blindato e le case antivirus hanno tutto ciò che serve per produrre software in grado di proteggere l’utenza. Con questa tesi Kaspersky scaccia le accuse di McAfee e le indagini della Commissione Europea