QR code per la pagina originale

Ultima Thule, immagini mostrano la sua vera forma

La NASA pubblica immagini più definite di Ultima Thule, l'oggetto spaziale più lontano mai osservato sembra una scamorza o caciocavallo spaziale.

,

La NASA grazie a New Horizons è riuscita a catturare nuove immagini con risoluzione migliore di Ultima Thule, l’oggetto spaziale più lontano mai osservato. Se la prima immagine mostrata ieri poteva solo far presagire la sua forma, quello pubblicate più di recente dall’agenzia spaziale statunitense mostrano la sua vera forma. Molti l’associano a una scamorza o caciocavallo spaziale, ma chiaramente l’agenzia non si spinge con similitudini così “popolari”.

Lo storico passaggi ravvicinato della sonda spaziale ha donato quindi all’umanità foto definite di un oggetto distante 6,4 miliardi di chilometri dalla Terra e aiuterà gli scienziati a scoprire nuovi dettagli sulla formazione del Sistema Solare. Le immagini mostrano un oggetto di forma bilobata, formato da una parte più piccola e stretta che unisce le due grandi sezioni.

Questo flyby è un risultato storico. Mai prima d’ora un team è riuscito a rintracciare un oggetto così piccolo che viaggia ad elevata velocità nell’abisso dello spazio. New Horizons ha realizzato una nuova soglia per la navigazione all’avanguardia dei veicoli spaziali”, ha dichiarato Alan Stern, Principal Investigator della squadra New Horizons.

Ultima Thule

Le immagini visionabili in alto sono state realizzate da circa 27,000 chilometri, ero un oggetto che misura 31 chilometri in lunghezza. Delle due sfere connesse quella con diametro più grande misura 19 chilometri, chiamata appunto “Ultima, mentre la più piccola, “Thule”, ha un diametro di 14 chilometri. Queste due sfere si sono “unite” durante la formazione del Sistema Solare a una velocità simile a un tamponamento ta due automobili. L’oggetto si trova nella fascia di Kuiper e ruota come un’elica, con l’asse che punta verso New Horizons. I ricercatori studieranno anche il periodo di rotazione.

Nei prossimi mesi arriveranno altre informazioni e immagini, i ricercatori riusciranno ad estrapolare i dati entro i prossimi 20 mesi.

Fonte: NASA • Immagine: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute Scientists from NASA's New Horizons mission released the first detailed images of the most distant object ever explored — the Kuiper Belt object nicknamed Ultima Thule. Its remarkable appearance, unlike anything we've seen before, illuminates the processes that built the planets four and a half billion years ago. "This flyby is a historic achievement," said New Horizons Principal Investigator Alan Stern of the Southwest Research Institute in Boulder, Colorado. "Never before has any spacecraft team tracked down such a small body at such high speed so far away in the abyss of space. New Horizons has set a new bar for state-of-the-art spacecraft navigation." The new images — taken from as close as 17,000 miles (27,000 kilometers) on approach — revealed Ultima Thule as a "contact binary," consisting of two connected spheres. End to end, the world measures 19 miles (31 kilometers) in length. The team has dubbed the larger sphere "Ultima" (12 miles/19 kilometers across) and the smaller sphere "Thule" (9 miles/14 kilometers across). The team says that the two spheres likely joined as early as 99 percent of the way back to the formation of the solar system, colliding no faster than two cars in a fender-bender. "New Horizons is like a time machine, taking us back to the birth of the solar system. We are seeing a physical representation of the beginning of planetary formation, frozen in time," said Jeff Moore, New Horizons Geology and Geophysics team lead. "Studying Ultima Thule is helping us understand how planets form — both those in our own solar system and those orbiting other stars in our galaxy." Data from the New Year's Day flyby will continue to arrive over the next weeks and months, with much higher resolution images yet to come. "In the coming months, New Horizons will transmit dozens of data sets to Earth, and we'll write new chapters in the story of Ultima Thule — and the solar system," said Helene Winters, New Horizons Project Manager. The Johns Hopkins Applied Physics Laboratory in Laurel, Maryland, designed, built and operates the New Horizons spacecraft, and manages the mission for NASA's Science Mission Directorate. The Southwest Research Institute, based in San Antonio, leads the science team, payload operations and encounter science planning. New Horizons is part of the New Frontiers Program managed by NASA's Marshall Space Flight Center in Huntsville, Alabama. Follow the New Horizons mission on Twitter and use the hashtags #UltimaThule, #UltimaFlyby and #askNewHorizons to join the conversation. Live updates and links to mission information are also available on http://pluto.jhuapl.edu and www.nasa.gov.