QR code per la pagina originale

Cina sulla Luna fa germogliare semi di cotone

La missione cinese Chang'e-4 ha portato anche dei semi, per la prima volta si coltiva qualcosa sulla Luna.

,

La missione cinese Chang’e-4 ha già stabilito il record per aver fatto atterrare il primo lander sulla parte nascosta della Luna. La missione però è solo all’inizio, perché c’è già una seconda “prima volta”: alcuni semi sono germogliati sulla Luna e questo non era mai accaduto. L’agenzia spaziale cinese tra gli altri obiettivi ha quello di creare un piccolo ecosistema autosufficiente sul nostro satellite e far crescere delle piante di cotone.

Il lander ha quindi trasportato i semi in un contenitore speciale realizzato dall’Università di Chongqing. All’interno sono presenti semi di patate, arrabatta e cotone. Gli scienziati sperano che poi queste piccole piante riescano ad emettere ossigeno durante la crescita, questo per creare un ecosistema che si auto-sostiene.

Sono stati i media cinesi a dare la notizia, oltre all’Advanced Technology Research Institute dell’Università di Chongqing, con tanto di immagine che mostra il contenitore, il terriccio presente in esso e una sostanza bianca che dovrebbero essere i germogli. Non è ancora chiaro però se riusciranno a svilupparsi, non si è ancora formata una piantina vera e propria. La corsa alla Luna è tornata, infatti recentemente la NASA ha parlato di una stazione lunare orbitale o di una possibile costruzione di una base lunare.

Anche sulla Stazione Spaziale Internazionale sono stati condotti esperimenti con l’obiettivo di far crescere piante in assenza di peso. Questo per ricavare dati sulla produzione di cibo nello spazio: missioni a lungo termine sarebbero impossibili senza la possibilità di poter produrre cibo. C’è però chi ha sollevato alcuni dubbi sulle foto, secondo cui alcune di queste foto proverrebbero in realtà dall’esperimento di controllo condotto sulla Terra, oppure che sia un confronto tra questo e i germogli sulla Luna.

Intanto piccolo robot fuoriuscito dal lander, Yutu-2, sta continuando a muoversi per la futura esplorazione del terreno intorno: in questo modo si studierà la storia della Luna per creare sistemi che permetteranno all’umanità, un giorno, di avere la possibilità di viverci.