QR code per la pagina originale

Smart Battery Case: ora anche per iPhone XS e XR

Apple lancia la rinnovata linea degli Smart Battery Case, per includere la compatibilità con i nuovi iPhone XR, iPhone XS e iPhone XS Max.

,

Apple aggiorna la linea Smart Battery Case, quella delle custodie dotate di batteria aggiuntiva per i propri smartphone, aggiungendo il supporto a iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR. I dispositivi sono apparsi ieri sul sito ufficiale di Apple Store e possono essere acquistati sin da subito, senza lunghe attese per la consegna.

La proposta Smart Battery Case è stata lanciata qualche anno fa dal gruppo di Cupertino, con supporto per iPhone 6 e iPhone 7, allo scopo di garantire una maggiore autonomia a chi fa un uso davvero intensivo degli smartphone nel corso della giornata. La custodia è stata infatti progettata per includere una batteria aggiuntiva, quest’ultima inglobata sul retro del case.

Con l’aggiornamento odierno, Apple ha finalmente deciso di estendere questa comoda possibilità anche ai nuovi iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR. Le custodie sono offerte in Italia al prezzo di 149 euro, nelle colorazioni nero e bianco, e promettono di estendere sensibilmente l’autonomia degli smartphone.

Per quanto riguarda iPhone XS, Apple dichiara un’autonomia di chiamata di 33 ore, 21 ore di Internet e 25 di riproduzione video. Per iPhone XS Max gli stessi indicatori sono rispettivamente di 37, 20 e 25 ore, mentre per iPhone XR ci si attesta sulle 39 ore di chiamata, le 22 online e le 27 di riproduzione video.

È interessante notare come Apple sia ritornata sui suoi passi, riproponendo il dispositivo dopo una breve pausa con iPhone 8 e iPhone X, due device che non dispongono del relativo Smart Battery Case. Ancora, i nuovi accessori supportano non solo la carica rapida, ma sono compatibili anche con lo standard Qi, quindi con la ricarica wireless tramite pad. Naturalmente, trattandosi di un dispositivo con porta Lightning, rimangono compatibili tutti gli accessori, dalle cuffie EarPods agli adattatori AV.

Fonte: MacRumors • Immagine: Apple