QR code per la pagina originale

Star Wars: cancellato il gioco open-world di EA?

Sembrerebbe che EA abbia deciso di abortire il gioco open-world di Star Wars che aveva in cantiere.

,

Il gioco open-world di Star Wars, in sviluppo presso EA Vancouver, è stato cancellato. Perlomeno secondo quanto dichiarato da tre fonti anonime che hanno dichiarato di avere una conoscenza approfondita della questione.

Stando a quanto riferito, il titolo di Star Wars di EA Vancouver avrebbe dovuto essere un “reboot” del progetto Star Wars a cui Visceral Games stava lavorando fino a quando EA non ha chiuso lo studio, nel 2017. EA Vancouver avrebbe infatti continuato a utilizzare alcune delle risorse del gioco di Visceral, ma trasformando il titolo per renderlo un’esperienza open-world.

L’ex chief design officer di Electronic Arts, Patrick Soderlund, aveva in precedenza confermato che il gioco di Guerre Stellari di Visceral sarebbe stato un “action adventure lineare e incentrato sulla trama”. Tuttavia, per rispondere alle tendenze del mercato e al feedback dei giocatori, EA avrebbe in un secondo momento deciso di “traslare” il design per renderlo un prodotto con cui i giocatori sarebbero potuti “tornare e divertirsi per molto tempo a venire”: tutto ciò suggeriva che sarebbe diventato multiplayer-centrico. Allo stesso tempo, Soderlund aveva annunciato che EA Vancouver avrebbe capitanato lo sviluppo di questo titolo, per giunta rinviato. Adesso, pare che EA abbia definitivamente staccato la spina al progetto.

Purtroppo non si hanno molte informazioni sul gioco presumibilmente cancellato: si diceva che mettesse il giocatore nei panni di un “furfante o cacciatore di taglie” che girovagava su vari pianeti di un vasto open-world. Per quanto riguarda il motivo per cui il gioco potrebbe essere stato cancellato, le fonti hanno detto che i leader di EA sembrerebbero più orientati a lanciare qualcosa di più immediato. Pare quindi che la nota azienda americana stia lavorando a un gioco di Star Wars su scala più piccola, da lanciare verso la fine del 2020.