QR code per la pagina originale

Windows 10 1809, inizia il rilascio automatico

Microsoft ha deciso di iniziare la distribuzione automatica di Windows 10 October 2018 Update attraverso Windows Update sui PC compatibili.

,

Windows 10 October 2018 Update (1809) sta compiendo un altro importante passo in avanti del suo processo di distribuzione. La storia dell’ultimo grande aggiornamento funzionale di Windows 10 è stata piuttosto travagliata. Da quando la casa di Redmond è tornata nuovamente a rendere disponibile questo importante update dopo aver corretto i bug riscontrati che ne avevano bloccato il rilascio, la società si è mossa con molta cautela, iniziando un lento processo di distribuitone per fare in modo che gli utenti potessero godere della migliore esperienza d’aggiornamento possibile.

Solo dallo scorso dicembre, infatti, Windows 10 October 2018 Update può essere scaricato da tutti forzando l’installazione manualmente attraverso Windows Update. Le cose, adesso, sono finalmente cambiate. Microsoft, basandosi sui suoi modelli che sfruttano il machine learning, ha deciso di arrivare a questa nuova fase di distribuzione dell’ultimo aggiornamento funzionale di Windows 10. Windows 10 October 2018 Update sarà adesso individuato automaticamente su tutti i PC Windows 10 compatibili che inizieranno a scaricare i file necessari alla sua installazione. Questa scelta significa che Microsoft ritiene che l’ultimo aggiornamento funzionale del suo sistema operativo non presenti più alcuna criticità grave.

La distribuzione automatica sarà progressiva. Sfruttando il machine learning, Microsoft offrirà l’update sui quei PC su cui è sicura che non possano esserci problemi. Se tutto procederà bene, l’aggiornamento sarà poi offerto automaticamente ad un numero sempre superiore di computer.

Chi dispone di Window 10 Pro può decidere di ritardare l’installazione degli aggiornamenti da Impostazioni->Aggiornamento e sicurezza->Opzioni avanzate.

Grazie a questa decisione di Microsoft, il market share di Windows 10 October 2018 Update non potrà che aumentare sensibilmente nei prossimi mesi. Trattasi di una scelta anche propedeutica all’arrivo del prossimo grande step funzionale di Windows 10 che dovrebbe debuttare per tutti in aprile e che oggi è in test presso gli iscritti al programma Windows Insider.

Prima di effettuare l’aggiornamento, il suggerimento è quello di effettuare un backup preventivo per mettere al sicuro i propri dati.