QR code per la pagina originale

EVA+, operative 130 stazioni di ricarica Fast

Continua a progredire velocemente il piano EVA+ di Enel X; operative già 130 stazioni di ricarica Fast Recharge da 50kW per le auto elettriche.

,

Enel X continua a portare avanti il progetto EVA+ che prevede l’installazione di 200 colonnine di ricarica veloce per le auto elettriche, 180 in Italia e le altre 20 in Austria, lungo le tratte extraurbane. La società ha annunciato di aver installato e reso operative 130 colonnine di ricarica da 50kW, pari a 260 punti di ricarica. Tutte queste colonnine a ricarica rapida sono state collocate lungo le strade a lunga percorrenza di Italia e Austria.

Più nello specifico, le colonnine operative in Italia sono 110 (con 220 punti di ricarica) mentre in Austria sono 20 (con 40 punti di ricarica). Le infrastrutture di ricarica in Italia sono interamente sviluppate da Enel e garantiscono un pieno di energia in circa 30 minuti, compatibili con tutti i veicoli elettrici attualmente in commercio e nel pieno rispetto degli standard internazionali in ambito di mobilità elettrica. Le infrastrutture di ricarica sono collocate principalmente in aree adiacenti agli accessi autostradali per consentirne l’uso anche a coloro che utilizzano veicoli elettrici per spostamenti extraurbani con soste compatibili con il tempo di ricarica, in luoghi come ad esempio i centri commerciali.

Il programma EVA+ (Electric Vehicles Arteries) è co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito di “Connecting Europe Facility”, e vede la collaborazione di Enel, in qualità di coordinatore, e Verbund (principale utility austriaca) insieme ad alcuni tra i principali costruttori automobilistici di veicoli elettrici a livello mondiale come Renault, Nissan, BMW Group e Volkswagen Group Italia (con le marche Volkswagen e Audi).

Per individuare le colonnine EVA+ in Italia ed effettuare la ricarica dell’auto in pochi semplici passi è a disposizione dei clienti la app Enel X Recharge per dispositivi iOS ed Android.

Fonte: Enel • Immagine: Luca Piccini Basile via iStock