QR code per la pagina originale

Tesla, più sicurezza con la modalità Sentry Mode

Tesla introdurrà presto la modalità Sentry Mode sulle sue auto elettriche che permetterà di sorvegliarle a 360 gradi mentre sono parcheggiate.

,

Tesla sta lavorando per ampliare le funzionalità della dashcam attraverso la nuova modalità “Sentry Mode” che secondo Elon Musk non dovrebbe tardare ad arrivare. Le funzioni dashcam delle Tesla, si ricorda, sfruttano le telecamere frontali utilizzate per l’Autopilot presenti in tutte le auto elettriche del brand americano. La funzione dashcam delle Tesla prevede che le persone debbano collegare alle porte USB dell’auto una memoria di archiviazione di generose dimensioni formattata in FAT32 con al suo interno una cartella chiamata “TeslaCam” in cui sono salvati i video registrati dalle telecamere.

La funzione permette di registrare video sino ad un’ora di lunghezza di tutto quello che accade mentre l’auto è in movimento. Elon Musk ha più volte ribadito che avrebbero rilasciato in futuro miglioramenti per le funzioni dashcam delle auto. Questa evoluzione dovrebbe chiamarsi appunto, “Sentry Mode” che permetterà di controllare a 360 gradi l’auto. In questo modo, i possessori delle auto elettriche americane potranno sfruttare le telecamere poste su tutti i lati delle Tesla per monitorare tutto quanto succede, anche a macchina parcheggiata. “Sentry Mode” potrà funzionare come una sorta di sentinella tenendo sotto controllo l’area attorno all’auto.

Tutti coloro che tornando all’auto dovessero individuare tracce di un contatto potranno utilizzare questa modalità per scoprire il colpevole. In questo periodo, soprattutto in America, le Tesla sono l’obiettivo di una serie di gesti vandalici. Questa funzionalità potrebbe essere molto utile in tal senso.

Tuttavia, la futura nuova modalità “Sentry Mode” non sarà disponibile proprio su tutte le Tesla ma solamente su quelle dotate dell’hardware AP 2.0+, dunque solo le più recenti.

Elon Musk non si è voluto sbilanciare sui tempi di arrivo di questa novità ma l’attesa non dovrebbe essere lunga. L’introduzione di questa nuova funzionalità mette in luce tutti i vantaggi di possedere un’auto connessa.

Proprio come negli smartphone, basta un semplice aggiornamento distribuito via OTA per introdurre nuove funzioni che mantengono l’auto sempre attuale.

Fonte: Electrek • Immagine: Angelus_Svetlana via Shutterstock