QR code per la pagina originale

Intel Aurora sarà il primo computer da 1 exaflop

Secondo le dichiarazioni di Intel, il supercomputer Aurora sarà il primo sul suolo statunitense ad avere una potenza da 1 exaflop.

,

Intel ha annunciato che il suo partner Cray costruirà il primo supercomputer negli Stati Uniti in grado di raggiungere prestazioni da 1 exaflop.

Secondo Intel, la macchina finale sarà pronta non prima del 2021, quando il sistema da 500 milioni di dollari, soprannominato Aurora, potrà far progredire la ricerca scientifica e le indagini in campi differenti, come la medicina. È la seconda iterazione del genere: in precedenza Intel aveva annunciato la distribuzione di un supercomputer da 180 petaflop ad Argonne nel 2018, progettato su processori Knight Hill Xeon Phi di terza generazione, ma ha fermato i piani dopo aver saputo dalla Cina del progetto su un sistema exascale nel 2020.

Al centro di Aurora c’è una futura generazione di processori Intel Xeon Scalable – Intel Xᵉ – abbinati alla memoria persistente di nuova generazione Optane DC. Impiegherà il sistema di supercalcolo Shasta di Cray e la sua interconnessione ad alte prestazioni Slingshot, e supporterà pienamente la One API di Intel, una suite di strumenti di sviluppo per mappare i motori di elaborazione a una gamma di processori, chip grafici, gate array programmabili sul campo e altri acceleratori.

C’è un enorme vantaggio scientifico per la nostra nazione che deriva da collaborazioni come questa con il Dipartimento dell’Energia, il Laboratorio Nazionale di Argonne e i partner industriali Intel e Cray – ha dichiarato il direttore del laboratorio nazionale di Argonne, Paul Kearns – il sistema Aurora di Argonne è costruito per l’Intelligenza Artificiale di prossima generazione e accelererà la scoperta scientifica combinando calcolo ad alte prestazioni e intelligenza artificiale per affrontare problemi del mondo reale, come il miglioramento delle previsioni meteorologiche, l’accelerazione dei trattamenti medici, la mappatura del cervello umano, lo sviluppo di nuovi materiali e ulteriore comprensione dell’universo. E questo è solo l’inizio.