Completato il giro del mondo in auto elettrica

Un olandese ha percorso 95mila chilometri con una Golf elettrica per sensibilizzare sui temi della sostenibilità.

Parliamo di

In viaggio dall’Olanda all’Australia a bordo di un’auto elettrica. Il protagonista di questa vicenda è l’olandese Wiebe Wakker che con la sua Golf elettrica, ribattezzata Blue Bandit, ha voluto percorrere ben 95mila chilometri a favore di una campagna di sensibilizzazione sui viaggi senza emissioni.

Per portare a termine il proprio viaggio Wakker ci ha impiegato poco più di tre anni. L’olandese è partito il 15 marzo 2016 a bordo della sua Volkwagen Golf Variant elettrica per arrivare in Australia il 7 aprile 2019. L’auto elettrica è composta da un motore da 150 kW, batterie agli ioni di litio da 37 kWh in grado di garantire un’autonomia di 200 km, mentre il cambio è manuale. Lo stesso Wakker ha dato un nome al suo viaggio “Plug Me In Project” con lo scopo di riuscire a portare a termine il viaggio più lungo fatto su un’auto elettrica per sensibilizzare e dimostrare gli spostamenti lunghi senza emissioni sono realizzabili.

Il percorso scelto

Il viaggio a bordo dell’auto elettrica ha avuto una durata di 1.119 giorni. Sono stati attraversati ben 33 Paesi e Wakker è passato anche per Arezzo per poi proseguire verso Nord per riuscire ad attraversa la Scandinavia.

L’auto elettrica però ha attraversato anche Mosca, Istanbul, Iran, India, Myanmar e Indonesia. Per poter portare a termine la sua incredibile impresa, per Wiebe Wakker si è rivelato necessario anche imbarcare la sua Blue Bandit su diverse navi.

Chi ha finanziato il viaggio?

Il viaggio è stato finanziato da diverse aziende, oltre che da circa 1.800 contributori che hanno offerto cibo ed elettricità a Wakker. Ha inoltre raccontato le proprie passioni e il viaggio sul sito dell’iniziativa Plug Me In. Nel progetto è infatti riuscito a trovare un punto di unione tra tutte le sue passioni per i viaggi, la fotografia, il videomaking con il suo interesse per la sostenibilità e le auto elettriche. Lo scorso 7 aprile Wiebe Wakker dopo tre anni è riuscito ad arrivare al giardino botanico reale dell’Opera di Sydney dove è riuscito finalmente a dimostrare tutte le potenzialità delle auto elettriche.

Ti potrebbe interessare
Il futuro secondo Gartner, parte seconda
gartner

Il futuro secondo Gartner, parte seconda

Nel mio post precedente ho delineato i primi 3 punti evidenziati da Gartner, la nota società di consulenza americana, in merito alle tendenze che coinvolgeranno il settore IT nel prossimo futuro. Qui espongo altri importanti aspetti posti in luce dalla relazione.Gestione dei meta-dati: i metadati, ovvero i dati riguardanti altri dati, diverranno parte integrante dell’infrastruttura