QR code per la pagina originale

PlayStation 5 a novembre 2020 secondo un analista

Un analista giapponese dice la sua su possibile data d'uscita e prezzo di PlayStation 5, prossima console di casa Sony.

,

Sebbene le attuali console abbiano ancora parecchio da offrire e non sappiamo quando farà ingresso sul mercato PlayStation 5, continuano a emergere speculazioni sulla prossima generazione.

In parte per via di Sony e Microsoft, che si lasciano sfuggire di tanto in tanto piccoli dettagli su come saranno i loro prossimi sistemi. Poi ci sono le teorie dei fan e, non ultime, le parole degli analisti del settore che valutano il possibile prezzo, la data di debutto e la stima delle vendite. Uno di questi, Hideki Yasuda di Ace Research Institute, il quale crede che la società nipponica possa distribuire PlayStation 5 a novembre 2020, al prezzo di 499 dollari.

Inoltre sostiene che la piattaforma sarà dotata di un hardware molto potente, capace di continuare quanto di buono fatto con PS4 e correggerne i principali difetti. Yasuda pensa inoltre che PlayStation 5 venderà 6 milioni di unità nel suo primo anno fiscale (ovvero entro il 31 marzo 2021), per poi raggiungere quota 15 milioni di unità vendute l’anno successivo (entro il 31 marzo 2022). Per finire, l’analista afferma che Google Stadia – la piattaforma gaming di BigG – non dovrebbe intralciare in alcun modo le vendite della console Sony.

È bene tenere a mente che gli analisti non sono in possesso di informazioni aggiuntive rispetto ai giocatori. Di conseguenza quella di Yasuda è una semplice ipotesi, senz’altro più plausibile di quelle formulate dall’utente medio in quanto studioso delle tendenze del mercato. Tra l’altro la data d’uscita è piuttosto attendibile: Sony e Microsoft, a meno che non facciano come Nintendo con Switch, è facile che pubblichino le loro console durante il periodo delle festività natalizie; per quanto riguarda il prezzo, invece, sono in molti a sperare che PlayStation 5 possa partire da 399 dollari, ma vista la tecnologia utilizzata per la prossima generazione non stupirebbero quei 100 dollari in più.