QR code per la pagina originale

App LaLiga spia gli utenti, multa da 250.000 euro

La lega calcio spagnola dovrà pagare una multa di 250.000 euro perché l'app LaLega usa microfono e GPS per rilevare streaming pirata delle partite.

,

L’agenzia spagnola per la protezione dei dati (AEPD) ha sanzionato la lega di calcio professionistico (LFP) con una multa di 250.000 euro. L’app LaLiga avrebbe violato la privacy degli utenti attraverso l’accesso al microfono e al GPS dei dispositivi mobile. La LFP ha comunicato che presenterà appello.

L’app LaLiga, disponibile per Android e iOS, permette di seguire in tempo reale i risultati delle partite, di leggere le ultime notizie e visualizzare varie statistiche. Pochi sanno però che una delle funzionalità implementate dagli sviluppatori consente di individuare bar o altri luoghi in cui sono trasmessi gli incontri di calcio mediante streaming illegale. Gli ignari utenti sono così diventati spie per conto della lega spagnola. La multa comminata dalla AEPD è proprio riferita alla scarsa trasparenza delle condizioni d’uso dell’applicazione e quindi alla violazione del GDPR.

L’app LaLiga utilizza una tecnologia simile a quella di Shazam. Attivando il microfono può rilevare se viene trasmessa una partita di calcio, mentre il GPS consente di individuare la posizione geografica del luogo. La LFP ha dichiarato che l’app chiede due volte all’utente di accedere al microfono e comunque non viene registrato nessun audio. La tecnologia cattura solo un’impronta acustica dalla quale non è possibile risalire alla voce delle persone, come chiaramente scritto nei termini d’uso (che nessuno legge, ndr).

La lega spagnola sottolinea che la AEPD non ha compreso il funzionamento della tecnologia, pertanto presenterà appello. L’agenzia per la protezione dei dati ha inoltre chiesto la rimozione dell’app dagli store entro il 30 giugno. Ciò verrà probabilmente evitato perché la LFP ha promesso di eliminare l’accesso al microfono. LaLiga continuerà a combattere la pirateria, un fenomeno molto diffuso che causa oltre 400 milioni di euro di perdite all’anno.

Fonte: TechCrunch • Immagine: LaLiga