QR code per la pagina originale

Netflix: torna la prova gratuita, ma non per tutti

Dopo averla rimossa ad aprile, Netflix sembra voler reintrodurre in Italia la possibilità di provare gratis la piattaforma.

,

Dopo averla rimossa ad aprile (probabilmente per l’imperante fenomeno dello “scrocco”), Netflix sembra voler reintrodurre in Italia la possibilità di provare gratuitamente la piattaforma di streaming on demand più popolare del momento.

Una bella notizia, ma ci sono non poche riserve. In primis, Netflix gratis non sarà più disponibile per 30 giorni come in precedenza ma solamente per una settimana (o due). Inoltre, l’aspetto più importante è che non tutti gli internauti hanno la possibilità di accedere alla prova gratuita di Netflix, ma dipende dal tipo di browser o PC che viene utilizzato.

A seconda della configurazione utilizzata per navigare, infatti, andando sulla home di Netflix si può incorrere in un banner che propone il servizio gratis per una settimana, oppure per 14 giorni o, ancora, non si troverà nessuna offerta. Su mobile viene proposto addirittura il solito pacchetto gratuito di 30 giorni come in passato.

In ogni caso, premendo sul banner si viene comunque indirizzati alla pagina relativa ai piani del servizio. Ovviamente l’offerta è disponibile per tutti e tre i programmi di Netflix (base, standard e premium). Tuttavia, al momento, spulciando la pagina del centro assistenza ufficiale relativa alla prova gratuita del servizio, ancora si trova la dicitura che recita:

Attualmente la prova gratuita non è disponibile nel tuo paese. Per iniziare l’abbonamento, vai su Netflix.com, scegli un piano e un metodo di pagamento, inserisci il tuo indirizzo email, imposta una password e inizia a guardare quello che vuoi.

Probabilmente Netflix Italia sta ancora testando la nuova possibilità, e non ha evidentemente chiaro in mente il piano definitivo da proporre ai suoi utenti.

Per il momento sembra invece scongiurata l’ombra degli aumenti di prezzo per l’abbonamento nel nostro paese: ricordiamo infatti che in USA, America Latina e Regno Unito i prezzi sono lievitati negli scorsi mesi.