QR code per la pagina originale

Microsoft: una docking station per i pennini?

Microsoft starebbe lavorando ad una docking station per i pennini digitali che potrebbe debuttare nel 2020.

,

Quando Microsoft aveva lanciato il primo Surface Studio, il gigante del software aveva anche presentato il suo accessorio Surface Dial. Trattasi di un prodotto molto interessante, una sorta di manopolina da poter appoggiare anche sul display touch del computer per poter accedere rapidamente ad una serie di funzionalità avanzate. A quanto parte, la casa di Redmond sta pianificando il rilascio di un nuovo accessorio che sicuramente interesserà ai creatori di contenuti e che allo stesso tempo fungerà anche da docking station per tutte le penne digitali.

Il ben noto Walking Cat ha individuato alcuni frammenti di codice che suggeriscono che Microsoft abbia già aggiunto il supporto per una docking station digitale nell’ultima build di Windows 10 20H1 recentemente rilasciata. Se davvero il gigante del software sta lavorando ad un prodotto simile, con buona probabilità se ne sta occupando il team Surface. Curiosamente, quanto scoperto coinciderebbe con un brevetto di un paio di anni fa dedicato ad una sorta di docking station per le penne digitali.

Lo scopo della docking station, come già anticipato da Microsoft nel brevetto, è di fornire agli utenti varie funzionalità. Si pensi, per esempio, alla ricarica dei pennini, al loro accoppiamento con i dispositivi, alla sincronizzazione dei dati tra una penna digitale e un dispositivo e molto altro ancora.

Un progetto, quindi, potenzialmente interessante di cui, però, è difficile che se ne saprà qualcosa in tempi stretti. Microsoft, infatti, sta testando con gli Insider le build di Windows 10 20H1, il prossimo grande step funzionale del sistema operativo che arriverà solamente nella primavera del 2020. Visto che un riferimento a questo prodotto è stato trovato nella build di un aggiornamento che arriverà nel 2020, è lecito attendersi che anche il suo debutto possa avvenire in quel periodo. Sicuramente, nel corso dei prossimi mesi se ne saprà molto di più.