QR code per la pagina originale

Netflix distribuisce 5 miliardi di DVD

Netflix ha distribuito negli Stati Uniti per 5 miliardi di DVD: il traguardo è stato raggiunto ieri dal gruppo, con tanto di celebrazioni.

,

Netflix festeggia un traguardo importante: quello dei 5 miliardi di DVD consegnati agli utenti. Sì, perché prima di divenire il colosso mondiale dello streaming, il gruppo statunitense ha sviluppato il proprio business nel settore del noleggio di supporti ottici. Un’attività ancora molto attiva negli USA, dove molte zone del Paese non sono ancora raggiunte da connessioni sufficientemente veloci per poter approfittare della visione online di contenuti.

Il raggiungimento dell’importante traguardo è stato annunciato sull’account Twitter della divisione DVD di Netflix: nella giornata di ieri, il gruppo ha raggiunto i 5 miliardi di dischi noleggiati. Un obiettivo festeggiato a suon di trombette e con decine di palloncini colorati, tra l’entusiasmo dei dipendenti. Il fortunato disco che ha permesso di celebrare questa pietra miliare è “Rocket Man”, il biopic su Elton John.

La distribuzione di contenuti in formato DVD è disponibile solo negli Stati Uniti: sebbene in Europa l’avventura di Netflix sia relativamente recente, Oltreoceano l’azienda ha avviato i propri servizi ben 21 anni fa. Nel 2007 ha raggiunto il traguardo di un miliardo di DVD, mentre di poche ore fa è stato raggiunto il record dei 5 miliardi.

Nonostante la società veda ora i suoi maggiori investimenti sul fronte dello streaming, il gruppo ha deciso di non eliminare la sua divisione su supporto fisico. Questo perché, così come già accennato, vi sono ancora molte zone degli Stati Uniti che non sono raggiunte da connessioni sufficientemente veloci per la visione di contenuti online: per queste persone – si parla di milioni di abbonati – il noleggio rimane l’unica alternativa plausibile. Il gruppo ha però deciso di dividere le due attività in due business distinti, sebbene i risultati vengano forniti collettivamente durante la presentazione trimestrale dei risultati dell’azienda. Nonostante non vi siano dati pubblici sul numero di abbonati al servizio di distribuzione – rispetto ai 151 milioni di sottoscrittori in streaming – nell’ultimo trimestre la richiesta di DVD è rimasta in attivo.