QR code per la pagina originale

Apple Music: arriva il supporto a Chromecast

L'ultima beta di Apple Music per Android incorpora il supporto a Chromecast e ai dispositivi Chromecast-enabled: ecco tutti i dettagli.

,

Giungono importanti novità per Apple Music, la piattaforma musicale di Apple, in particolare per gli utenti Android abbonati al servizio. L’ultima beta dell’applicazione per il sistema operativo di Google, infatti, include il supporto a Chromecast. Un novità certamente comoda, e da tempo attesa, per riprodurre i propri brani preferiti sulla TV di casa.

Chromecast, il dongle HDMI pensato per trasmettere in streaming domestico contenuti dai propri device al televisore, è uno dei dispositivi di Google più amati di sempre. Con una spesa ridotta, infatti, permette di trasformare qualsiasi schermo in un display smart, pronto a riprodurre tutti i contenuti sia disponibili in locale che distribuiti sul web. Fra le tante alternative compatibili giunge ora anche Apple Music, così come rivela la nuova beta dell’omonima applicazione per Android.

La nuova versione della piattaforma di streaming di Apple permetterà di riprodurre i propri brani preferiti sul televisore di casa, approfittando eventualmente di eventuali impianti audio collegati all’apparecchio, il tutto tramite a un’interfaccia di navigazione intuitiva e completa di informazioni sulla playlist scelta. I controlli di riproduzione, così come avviene per tutti gli altri usi di Chromecast, saranno disponibili sullo schermo del proprio smartphone o del tablet collegato via wireless al proprio dongle. Naturalmente, lo streaming domestico sarà offerto anche per tutti gli altri device “Chromecast-enabled”, come Google Home.

La nuova beta di Apple Music, così come specifica MacRumors, incorpora anche 100.000 stazioni radio, come TuneIn e iHeart Radio. Ancora, rappresenta una prima risposta alle funzionalità AirPlay già disponibili all’interno dell’ecosistema della mela morsicata, al momento non offerte su Android. L’inclusione di Chromecast, infatti, permette di approfittare di un’esperienza molto simile, moltiplicando le proprie possibilità d’ascolto ben oltre allo smartphone o al tablet in proprio possesso. Al momento, non è noto quando verrà pubblicata la release finale del software.