QR code per la pagina originale

Guida autonoma, da Bosch nuova telecamera con IA

La nuova telecamera di Bosch migliora i sistemi di guida autonoma e di assistenza alla guida e amplia il loro campo di applicazione.

,

La tecnologia che sta dietro le piattaforme di guida autonoma continua a migliorare rapidamente. Questo significa che i sistemi di ausilio alla guida diventano sempre più precisi e sicuri, offrendo più assistenza ai conducenti con l’obiettivo finale di ridurre i rischi sulle strade. Un obiettivo che al momento è soprattutto una grande sfida tecnica. Un’auto autonoma deve poter “vedere” in ogni momento cosa accade intorno. Proprio in tale contesto, Bosch utilizza diverse tecnologie come ultrasuoni, radar e video.

Le telecamere, in particolare, devono essere viste come gli occhi di queste piattaforme ed è per questo che costituiscono un aspetto fondamentale per la guida autonoma. Bosch ha portato ad un livello superiore la tecnologia delle telecamere per auto. La combinazione dell’esclusivo approccio multifunzionale con l’intelligenza artificiale per il riconoscimento degli oggetti rende la tecnologia dei sensori più affidabile e aumenta la sicurezza stradale. La nuova telecamera Bosch MPC3 è stata ottimizzata per percepire tutti gli oggetti nelle vicinanze per riconoscere all’istante se un determinato oggetto può influire sulla strategia di guida, e definire in modo altrettanto veloce, come agire.

Punto di forza della nuova telecamera Bosch il riconoscimento degli oggetti che utilizza l’intelligenza artificiale. L’intelligenza della telecamera si basa sul know-how Bosch ed è integrato nel chip V3H, prodotto dall’azienda giapponese Renesas. Per esempio, la telecamera è in grado di riconoscere se il bordo della strada è transitabile, anche in assenza di segnaletica orizzontale.

Inoltre, la telecamera è in grado di migliorare anche i sistemi di assistenza alla guida e ampliare il loro campo di applicazione. Questa nuova telecamera potrebbe potenziare i sistemi di frenata di emergenza automatici sia per evitare l’impatto del veicolo con gli animali, che con i pedoni anche quando sono solo parzialmente visibili. Infine, questo nuovo strumento della casa tedesca è dotato di un sistema di rilevazione ottica dei caratteri, che “legge” in maniera affidabile testo e numeri e mostra le informazioni al guidatore sul display del quadro comandi.