EVA+, attive tutte le 200 stazioni di ricarica

Viaggiare con le auto elettriche è sempre più facile in Italia; si è concluso il progetto EVA+ con l’attivazione di tutte le 200 stazioni di ricarica Fast.

Importante passo in avanti per la mobilità elettrica in Italia. Enel ha annunciato che il progetto EVA+ è giunto a conclusione essendo state installate ed attivate tutte le 200 stazioni di ricarica veloce da 50kW presso le principali strade a lunga percorrenza di Italia e Austria.

Il progetto EVA+, si ricorda, punta allo sviluppo della mobilità elettrica e prevedeva l’installazione di 200 infrastrutture di ricarica veloce, 180 in Italia e 20 in Austria, lungo le strade a lunga percorrenza extraurbane dei due Paesi. Un programma co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del “Connecting Europe Facility”, a cui hanno partecipato, oltre ad Enel come coordinatore, Verbund, SMATRICS, Renault, Nissan, BMW Group e Volkswagen Group Italia (con le marche Volkswagen e Audi).

Grazie a questa infrastruttura, viaggiare con le auto elettriche non è più un problema. Partire dall’Austria e raggiungere la Sicilia non è più un’utopia grazie a questa infrastruttura che permette di fare il pieno di elettroni in poche decine di minuti. Inoltre, ogni stazione è perfettamente compatibile con ogni tipologia di auto elettrica sul mercato in virtù della disponibilità delle prese CCS, CHAdeMO e Type 2. Sono consentite due ricariche in parallelo.

Infrastruttura interamente sviluppata e installata da Enel X che si affianca a quella oramai capillare sempre di Enel X composta da migliaia di pole station da 22 kW presenti su tutto il territorio nazionale.

Si ricorda anche che grazie al recente accordo di interoperabilità tra Enel X e SMATRICS, gli utenti delle due aziende potranno accedere ai punti di ricarica di EVA+ e delle rispettive reti di ricarica nazionali in totale libertà e senza limiti territoriali nei due Paesi. Inoltre, grazie alle funzionalità avanzate di Juicepass, la nuova app per la mobilità elettrica di Enel X, è ancora più semplice ricaricare il proprio veicolo presso le stazioni fast del progetto.

Ti potrebbe interessare
Abaco Primo, low cost all’italiana
Gadget e Device

Abaco Primo, low cost all’italiana

99 euro per avere un computer made in Italy. L’offerta low cost è firmata Abaco, da cui trapela tutta una filosofia propria dell’open source ed indirizzata a vedere l’informatica sotto un nuovo punto di vista. Abaco Primo è completamente personalizzabile

Google: aggregatore sociale?
Web e Social

Google: aggregatore sociale?

Supponiamo di conoscere le ricerche effettuate da ciascun utente su Internet e di utilizzarle con finalità di marketing.Che cosa succederebbe se tali dati potessero essere incrociati con le ricerche e le preferenze di utenti che condividono, almeno in parte, i nostri stessi interessi?Quanto potrebbero valere queste informazioni una volta aggregate e processate per una qualunque

2011, dalla carta ai bit. Definitivamente
Web e Social

2011, dalla carta ai bit. Definitivamente

Il report Communications Industry Forecast firmato Veronis Suhler Stevenson stima una data precisa per il momento in cui la raccolta pubblicitaria online supererà quella della carta stampata: l’anno della svolta sarà il 2011 e non si tornerà indietro