QR code per la pagina originale

Outlook.com diventa una Progressive Web App

Microsoft ha deciso di rendere il servizio Web di Outlook una Progressive Web App; la novità è già disponibile sui PC compatibili per alcuni browser.

,

Microsoft ha deciso di trasformare il sito Outlook.com in una Progressive Web App (PWA). Questo significa che il servizio Web potrà essere installato sul proprio computer Windows, mac o ChromeOS, a patto che supporti nativamente questa tecnologia. Trattasi di una novità interessante perché consente di fare a meno dell’app di Posta nativa di Windows 10 disponendo, comunque, dei medesimi contenuti e servizi a patto di utilizzare un account di posta Outlook.

Le Progressive Web App (PWA) sono sostanzialmente delle applicazioni Web ma dispongono di una migliore gestione della cache, di funzioni di notifica e possono funzionare in background come un’app tradizionale. Più leggere ma sostanzialmente in grado di fare le stesse cose di un’app tradizionale. Microsoft ha iniziato lentamente ad adottare questa tecnologia per alcune delle sue app ed il fatto che adesso arrivi Outlook.com significa che probabilmente in futuro saranno trasformate in Progressive Web App (PWA) anche altre importanti app dell’ecosistema Windows come, per esempio, quelle di Office.

Per poter utilizzare questa novità è necessario disporre di un browser basato su Chromium come Chrome. Tutto quello che si dovrà fare per “installare” Outlook.com su Chrome, per esempio, sarà aprire il menu in alto a destra del browser (quello con tre pallini verticali) e selezionare “Installa Outlook“, se già presente (ci potrebbe volere qualche secondo perché appaia la prima volta). In pochi istanti, la Progressive Web App sarà installata sul proprio computer.

Questa novità segue alla scoperta che Microsoft ha intenzione di effettuare un’importante modifica su Outlook.com integrando il supporto di Gmail, Google Drive e Google Calendar. Test attualmente ristretto a pochi utenti ma con la disponibilità pubblica di questa nuova funzionalità, la Progressive Web App diventerebbe ancora più interessante da sfruttare.