QR code per la pagina originale

Assistente Google, sveglia cambia in base al meteo

Assistente Google, momentaneamente solo su Lenovo Smart Clock, può cambiare il suono della sveglia a seconda dell'orario e delle condizioni meteorologiche.

,

Assistente Google introduce una nuova funzionalità, non certo indispensabile ma piuttosto interessante, grazie a un aggiornamento in arrivo su Lenovo Smart Clock. Una nuova opzione cambierà il suono della sveglia del dispositivo in base a fattori come l’orario e il tempo atmosferico. D’altronde, l’intelligenza artificiale di Google è in grado di curare il suono e renderlo più adatto al momento. Si tratta di una possibilità che potrebbe riprodurre qualcosa di più appropriato della stessa terribile melodia standard, in modo tale che l’utente finisca per odiare di meno la sua sveglia.

Per il momento si tratta di una funzionalità limitata a Lenovo Smart Clock, ma il colosso della ricerca ha affermato che fa parte del suo assistente digitale, il che suggerisce un arrivo anche su altri smart display (e magari pure su smartphone, in futuro). Alla base della funzione c’è la tecnologia di machine learning del progetto Magenta, battezzata Impromptu. Assistente Google, per esempio, potrebbe cimentarsi in una melodia piuttosto ottimistica qualora fosse mattina presto e stesse nevicando, affinché l’utente possa iniziare la giornata nel migliore dei modi (nonostante l’orario e la rigida temperatura).

Tra le altre novità introdotte dall’aggiornamento si annovera un maggiore controllo sulla durata di una sveglia (in sostanza si potrà scegliere da e fino a che ora farla suonare) e una migliore gestione della luminosità automatica. Il rollout dell’ultimo aggiornamento di Lenovo Smart Clock è cominciato, dunque le nuove funzioni potrebbero essere disponibili già dalle prossime ore (o nei prossimi giorni).

Intanto la società ha aggiunto ad Assistente Google l’opzione per condividere le foto con amici direttamente tramite comandi vocali. Piuttosto che navigare nei diversi menu, l’utente potrà ordinare al dispositivo di farlo al suo posto.