QR code per la pagina originale

Primo volo per l’aereo civile tutto elettrico

A Vancouver un idroplano completamente elettrico ha volato per 15 minuti nel primo volo di test.

,

Il primo aereo civile completamente elettrico ha effettuato il 10 dicembre il suo primo volo di prova, atterrando con successo dopo 15 minuti. Il tutto è avvenuto in Canada, precisamente a Vancouver: si tratta di un idroplano costruito dalla società canadese Harbour Air, in collaborazione con l’australiana MagniX.

Questa joint venture ha l’obiettivo di creare la prima compagnia aerea completamente elettrica al mondo. Ovviamente il risultato è ancora lontano, ma la dimostrazione è stata accolta in maniera positiva. Il volo di prova è stato effettuato utilizzando un motore elettrico da 750 cavalli. Il pilota, fondatore e amministratore delegato di Harbour Air Greg McDougall, ha trascorso solo pochi minuti in aria prima di tornare indietro e atterrare.

L’aereo di linea Harbour Air, un DHC-2 de Havilland Beaver modificato con un sistema di propulsione elettrico Magni500, è attrezzato per trasportare sei passeggeri ed è stato mostrato per la prima volta al Paris Air Show di giugno. Il suo sistema di propulsione elettrica viene ovviamente descritto come un modo più sostenibile ed efficiente per alimentare gli aerei del futuro. Aubrey Lerche, portavoce del progetto, ha dichiarato:

Questo è il primo volo al mondo di un aereo commerciale completamente elettrico. Non si tratta di un aereo personale a due passeggeri e non un ibrido, ma un aereo costruito e gestito come un aereo commerciale che per trasportare passeggeri e merci da un punto A a un punto B. Questo è un momento importante che definisce l’inizio dell’era elettrica dell’aviazione. Un’era con bassi costi operativi per le compagnie aeree, bassi prezzi dei biglietti per il pubblico e zero emissioni.

In una dichiarazione Roei Ganzarski, CEO di MagniX, ha paragonato ambiziosamente il risultato all’innovazione dei fratelli Wright, che effettuarono il primo volo al mondo nel dicembre 1903.