QR code per la pagina originale

Google Chrome indicherà file non sicuri da aprile

La versione 82 di Google Chrome, disponibile da aprile, avvertirà gli utenti che stanno per scaricare un file pericoloso.

,

Google Chrome manterrà presto la promessa dello scorso anno di proteggere meglio gli utenti da contenuti non sicuri (download non crittografati tramite HTTPS) su pagine sicure. Chrome 82, versione che verrà distribuita nel mese di aprile, sarà dunque la prima del browser proprietario di Google ad avvisare gli utenti quando tentano di scaricare determinati tipi di file. Nelle versioni future, i download verranno bloccati direttamente.

Ricapitolando: grazie alla versione 82 di Google Chrome, gli utenti saranno avvisati quando tenteranno di scaricare file eseguibili non sicuri, come i .exe, poiché rappresentano un rischio maggiore per l’introduzione di malware nel sistema. Chrome avviserà gli utenti che si accingeranno a scaricare file pericolosi anche nel caso in cui fossero di tipo diverso dai .exe: per esempio i file di testo e le immagini, ma ciò sarà disponibile solo con il passare del tempo, a detta della società (quindi si presume non da aprile stesso). Entro la fine dell’anno, il browser eliminerà del tutto gli avvisi e bloccherà direttamente i download non sicuri dai siti web.

Tutto ciò sarà possibile non solo da web, ma anche da smartphone e tablet. Le versioni mobile di Google Chrome riceveranno infatti gli stessi aggiornamenti, ma saranno una versione dietro rispetto alle quelle desktop. Questo perché, secondo un post su Chromium, le app mobile hanno una migliore protezione contro i download dannosi, dunque il ritardo darà agli sviluppatori più tempo per concentrarsi sugli utenti desktop (che sono più a rischio malware).

Sebbene qualcuno potrebbe trovare tali avvisi un po’ fastidiosi, la navigazione sarà di gran lunga più sicura. Le  persone meno esperte di tecnologia ne trarranno maggiori benefici, perché spesso non sono in grado di individuare download sospetti, ma anche tutti gli altri potranno fare sonni decisamente tranquilli.