QR code per la pagina originale

Whatsapp introduce la ricerca sul web. Ecco a cosa serve

Whatsapp fornisce agli utenti un nuovo strumento per contrastare le fake news e la disinformazione: ecco la ricerca sul web e come funziona.

,

La lotta alle fake news ai tempi del coronavirus COVID-19 è più importante che mai. Tra le conseguenze della pandemia c’è anche un clamoroso e preoccupato aumento delle teorie del complotto legate al nuovo virus e la corretta informazione è lo strumento più utile per impedire a strampalate teoria senza basi scientifiche di diffondersi a macchia d’olio e fare danni irreparabili.

Whatsapp aveva già introdotto dei limiti sull’inoltro selvaggio dei messaggi e altri strumenti contro le fake news, ma in queste ore è andato oltre con una nuova funzionalità che richiede, però, la collaborazione degli utenti che ricevono messaggi particolari.

A partire da oggi tutti i messaggi che vengono inoltrati in una catena di almeno 5 persone verranno affiancati dall’icona di una lente di ingrandimento che, se cliccata, chiederà al destinatario se intende effettuare una breve ricerca online per verificare la veridicità del contenuto ricevuto.

L’esempio portato da Whatsapp per presentare la novità è la bufala dell’acqua bollita con l’aglio in grado di curare il COVID-19. Si tratta di una fake news ampiamente smentita dagli esperti, ma che inspiegabilmente continua a girare su Whatsapp e altri social network. Grazie alla nuova funzionalità di Whatsapp, quindi, gli utenti saranno ad un solo tap dal verificare quel contenuto, senza dover lasciare la piattaforma.

Nessuna fatica, nessuna necessità di competenze o abilità particolari: bisognerà soltanto fare un tap sulla nuova icona, già disponibile in Italia per gli utenti di Android e iOS, per verificare rapidamente ciò che ci viene inoltrato via Whatsapp e interrompere così la diffusione selvaggia di messaggi pericolosi e fuorvianti.