QR code per la pagina originale

Xbox Game Pass per PC: il prezzo raddoppia

Microsoft annuncia una serie di novità tra cui il raddoppio dei prezzi del servizio Xbox Game Pass per PC: le nuove cifre da pagare

,

Microsoft annuncia una serie importanti di novità relative a Xbox Game Pass, il servizio in abbonamento dedicato ai videogamers. Tra le novità, purtroppo per gli utenti, c’è anche una rimodulazione dei prezzi relativi agli abbonamenti per PC, che avverrà a partire da una data ben precisa. Ovvero, a partire dal prossimo 17 settembre, il prezzo dell’abbonamento mensile al servizio Xbox Game Pass su PC raddoppierà: si passa dagli attuali 4,99 $ / 4,99 € a 9,99 $ / 9,99 €.

Come conferma lo stesso account Twitter ufficiale di Microsoft, gli utenti già abbonati continueranno a pagare la stessa tariffa durante il ciclo di fatturazione successiva. Nell’immediato, dunque, gli aumenti colpiranno i nuovi abbonati e solo agli utenti che accedono al servizio Xbox Game Pass da PC. I prezzi degli abbonamenti alla versione console e alla Ultimate, ovvero la sottoscrizione che dà accesso a tutti i servizi targati Microsoft, rimangono al momento inalterati. Sono esclusi dall’aumento, dunque, anche il doppio abbonamento PC e console e la libreria EA Play, che arriverà a novembre.

Xbox Game Pass per PC: cos’è e come funziona

Per chi non conoscesse ancora il servizio, Game Pass per PC consente l’accesso illimitato ad un elenco di giochi in continuo aggiornamento e consente di giocare sin dal primo giorno di lancio con tutti i prodotti Xbox Game Studios per desktop. E non è tutto, perché l’abbonamento dà diritto ad una serie di sconti e promozione esclusive. E non è tutto, perché al momento del lancio di Xbox Series X e S, gli abbonati al Game Pass per PC o all’Ultimate, avranno diritto di accesso gratuito al nuovo EA Play.

Microsoft Xbox All Access

Contestualmente, Microsoft annuncia che il pacchetto Xbox All Access con cui si otterrà la console Xbox e l’abbonamento a Game Pass Ultimate al costo mensile di 35$ o 25$, sarà disponibile entro la fine del 2020 in 12 Paesi, tra i quali però non c’è l’Italia. L’elenco: Australia, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Sud Korea, Svezia, UK, Stati Uniti.