QR code per la pagina originale

Microsoft Teams: cosa cambia con la funzione Dynamic View

A partire da marzo sbarca su Microsoft Teams la nuova funzione Dynamic View: ecco di cosa si tratta e come utilizzarla

,

Microsoft Teams è indubbiamente una delle piattaforme più utilizzate nell’ultimo anno. La pandemia e le misure restrittive disposte praticamente in tutti i Paesi che stanno facendo i conti con il virus. Smart working e didattica a distanza sono ormai diventate pratiche con le quali si ha a che fare quotidianamente, così come gli strumenti tecnologici indispensabili per approcciarsi a queste nuove soluzioni. Il vantaggio delle piattaforme come Microsoft Teams è rappresentato dal fatto che si possono utilizzare praticamente con qualunque dispositivo. Computer, tablet, smartphone, chiunque è in grado in pochi minuti di avviare o partecipare a videochiamate di lavoro o per studio.

Microsoft Teams: come funziona la Dynamic View

E con il passare dei mesi gli strumenti sono diventati sempre più completi e ricchi di funzionalità, come conferma l’evoluzione di Teams. E il progresso della piattaforma Microsoft non si arresterà nemmeno nei prossimi mesi, perché già a marzo è prevista ufficialmente una nuova funzione che prende il nome di Dynamic View. La denominazione stessa spiega a cosa servirà questa nuova funzione: si tratta di una visualizzazione dinamica che in automatico reagirà alla condivisione di un determinato contenuto, ingrandendolo, ridimensionandolo o mettendolo in evidenza in modo che tutti i partecipanti alla videocall possano fruirne in maniera ottimale.

Videochiamate: relatori attivi in evidenza

Al momento in cui scriviamo, infatti, durante una riunione tramite Microsoft Teams, se si condivide un documento o un video, la finestra rimane sostanzialmente della stessa dimensione di tutti gli altri partecipanti, rendendo la ricezione del contenuto meno ottimale. Con la Dynamic View questo problema sarà superato, ma non è tutto, perché la nuova funzionalità ottimizzerà anche altri aspetti delle conversazioni video, mettendo in evidenza i relatori attivi e i partecipanti che hanno utilizzato la funzione dell’alzata di mano per effettuare un intervento. Insomma, un passo avanti per rendere più ordinate e ancora più professionali call di lavoro e lezioni a distanza.

Video:Huawei P8: le caratteristiche in un video