Accordo Google-Serie A contro le app delle IPTV

La Lega Serie A ha siglato un accordo con Google per la rimozione dal Play Store delle app che consentono di accedere alle IPTV illegali

Parliamo di

In una globale battaglia contro la violazione dei copyright, Lega Serie A e Google hanno siglato un’intesa che avrà degli effetti immediati. Il colosso del Web si impegna ad eliminare sin da subito le app che consentono di accedere ai contenuti delle IPTV illegali, ma non solo. L’accordo prevede infatti una maggiore tutela del prodotto calcio tramite le piattaforme di proprietà di Big G, che si impegna così a monitorare e prendere provvedimenti nei confronti delle future violazioni dei copyright.

Lega Serie A: accordo con Google e diffida ai provider

La Lega Serie A, contestualmente, prosegue con le diffide nei confronti degli hosting provider. Nei giorni scorsi sono stati disabilitati l’80% degli abbonamenti illegali alle IPTV in Italia, ma non basta, dopo aver ottenuto la disabilitazione dell’hosting sui cloud Worldstream e OVH, sono state avviate azioni legali nei confronti di Cloudflare, considerato il principale canale sfruttato dalla pirateria online.

L’accordo è stato così commentato dall’amministratore delegato della Lega Serie A, Luigi De Siervo: “Abbiamo ottenuto dei grandi risultati nella lotta alla pirateria, ma non possiamo abbassare la guardia perché la criminalità organizzata trova sempre nuove modalità per danneggiare il nostro settore, a discapito non solo dei titolari dei diritti, ma anche dei licenziatari e dei tifosi. Ringrazio le forze dell’ordine per il supporto in questa battaglia – aggiunge – e DcP, che da anni ci assiste nella lotta alla diffusione dei servizi illegali: arriveremo presto a un livello di protezione unico al mondo”.

Per conto di Google Italia, ha parlato invece il vicepresidente Fabio Vaccaronno: “La lotta alla pirateria rappresenta per Google un impegno costante, anche attraverso lo sviluppo ed il continuo miglioramento di tecnologie ad hoc e programmi dedicati, a disposizione dei titolari dei contenuti per la protezione dei loro diritti sulle nostre piattaforme. L’incontro e il dialogo con i titolari dei diritti sono essenziali per un risultato di qualità: la collaborazione di successo con Lega Serie A – conclude – ne è la prova”.

Ti potrebbe interessare