Netflix, un piano con pubblicità? Il suggerimento degli analisti

Alcuni analisti avrebbero suggerito a Netflix di lanciare un abbonamento con la pubblicità per consolidare la propria posizione nel mercato.

Parliamo di

Netflix potrebbe introdurre un piano con la pubblicità? A detta degli analisti, gli converrebbe. D’altro canto non sarebbe la prima piattaforma streaming a farne uso: negli Stati Uniti, per esempio, Hulu, Paramount+ e Peacock stanno puntando molto su abbonamenti con le pubblicità. Le persone possono sottoscriversi al servizio sborsando una cifra nettamente più bassa rispetto ai piani classici, a patto che siano disposti a sorbirsi “qualche interruzione pubblicitaria”.

Nel caso di Paramount+, giusto per citarne uno, è possibile abbonarsi al piano con ads pagando 4,99 dollari al mese, mentre il piano senza pubblicità costa 9,99 dollari. In questo modo le persone possono pagare meno e le piattaforme guadagnare in modo alternativo. Al momento, Netflix non sembra avere in programma di lanciare un piano del genere, ma secondo alcuni analisti potrebbe essere un “errore strategico”. D’altro canto, con Disney+ sempre più agguerrita come concorrente, la società dovrebbe pensare a”metodi alternativi” per consolidare il proprio regime all’interno del mercato.

Il consiglio dato al servizio, stando a PhoneArena, è quello di mantenere i piani classici e di lanciarne uno con pubblicità, anche per via dei numeri fatti registrare dall’AVOD (Advertising Based Video on Demand), dato che le entrate pubblicitarie sono passate da 1 miliardo di dollari nel 2017 a 5 miliardi di dollari nel 2020. Sempre secondo gli analisti, si potrebbe arrivare a 21 miliardi di dollari entro il 2025, cifre oltremodo ragionevoli.

Al momento è soltanto un consiglio, ma non è da escludere che il gigante dello streaming possa prenderlo in considerazione in un futuro prossimo. Certo è che per adesso non c’è niente di confermato.

Ti potrebbe interessare