Wikipedia, all’asta la prima homepage online come opera NFT

Christie’s ha messo in vendita per un’iniziativa di beneficenza due oggetti appartenenti a Jimmy Wales, il co-fondatore di Wikipedia.

La casa d’asta Christie’s ha messo in vendita per un’iniziativa di beneficenza due oggetti che appartengono a Jimmy Wales, il co-fondatore di Wikipedia. Si tratta di un certificato NFT, ovverosia un’opera digitale che riprende la prima pagina della nota enciclopedia online, prima del suo lancio ufficiale avvenuto il 15 gennaio 2001, e di  un personal computer. Le offerte potranno essere presentate fino a entro e non oltre il 15 dicembre prossimo.

Wikipedia, all’asta la prima homepage

“La mia idea è quella di creare un NFT che celebri un momento del passato, ma anche di ‘replicare’ l’esperienza vissuta in quell’istante: eccola Wikipedia, pronta per essere editata. Cosa farne? Come diventerà? Può cambiare il mondo?”, ha spiegato Jimmy Wales a proposito di questa iniziativa. Il token non fungibile (NFT) della prima homepage di Wikipedia, infatti, è su base Ethereum, e questo significa che il futuro proprietario potrà liberamente deciderne cosa farne.

La singola pagina sarà lanciata pubblicamente sul web e, proprio come Wikipedia stessa, chiunque potrà vederla e modificarla. Ma tutte le modifiche verranno ripristinate dopo cinque minuti, riportandolo al suo stato originale.

Wales avrebbe potuto facilmente vendere direttamente la pagina del sito Web senza utilizzare la tecnologia blockchain, ma afferma di essere stato spinto dall’idea di una proprietà verificabile e registrata pubblicamente. “Penso che ciò che è particolarmente interessante sia che per la prima volta disponiamo di un tipo di database immutabile e distribuito pubblicamente, ed è nuovo e diverso”, ha detto il co-fondatore del progetto Wikipedia.

Gli NFT, lo ricordiamo, consentono di acquistare e vendere la proprietà di oggetti digitali unici e di tenerne traccia di chi li possiede utilizzando la blockchain, un registro digitale le cui voci “sono raggruppate in “blocchi”, concatenati in ordine cronologico, e la cui integrità è garantita dall’uso della crittografia”. Un token non fungibile tecnicamente può contenere qualsiasi cosa digitale, inclusi disegni, GIF animate, canzoni o elementi nei videogiochi. Il secondo oggetto messo all’asta da Christie’s e appartenuto sempre a Jimmy Wales, come accennato prima, è invece il modello di computer iMac di colore rosa targato Apple, utilizzato per “compilare” il codice di Wikipedia all’epoca del suo sviluppo.

Ti potrebbe interessare