Meta vuole farci dialogare con tutti, senza limiti di lingua

Meta vorrebbe realizzare un traduttore istantaneo in grado di farci dialogare con tutti, senza limiti e/o confini: ecco come potrebbe funzionare.

Meta vuole costruire un traduttore di lingue universale. Zuckerberg ha riassunto tutti gli sforzi di elaborazione del linguaggio naturale compiuti dall’azienda durante il live streaming di mercoledì.

Durante un evento tenutosi ieri dal titolo Inside the Lab: Building for the metaverse with AI, il CEO di Meta Mark Zuckerberg non si è limitato a esporre la vision della sua azienda per il futuro, soprannominata Metaverse. Ha anche rivelato che la divisione di ricerca della compagnia sta lavorando a un sistema di traduzione vocale universale che potrebbe semplificare le interazioni degli utenti con l’IA all’interno dell’universo digitale della stessa compagnia.

Meta vuole creare un traduttore di lingue universale

Il grande obiettivo qui è costruire un modello universale in grado di incorporare la conoscenza in tutte le modalità… tutte le informazioni che vengono acquisite attraverso sensori ricchi“, ha affermato Zuckerberg. “Ciò consentirà una vasta scala di previsioni, decisioni e generazione, nonché metodi di addestramento e algoritmi di architetture completamente nuovi che possono imparare da una vasta e diversificata gamma di input diversi“.

Il capo del marchio ha osservato che Facebook si è costantemente sforzato di sviluppare tecnologie che consentissero a più persone in tutto il mondo di accedere a Internet ed è fiducioso che tali sforzi arriveranno anche nel Metaverso.

Questo sarà particolarmente importante quando le persone inizieranno a teletrasportarsi attraverso mondi virtuali e a sperimentare cose con persone di background diversi“, ha continuato. “Ora abbiamo la possibilità di migliorare Internet e stabilire un nuovo standard in cui tutti possiamo comunicare tra di noi, indipendentemente dalla lingua che parliamo o da dove veniamo. E se lo facciamo bene, questo è solo un esempio di come l’IA può aiutare a riunire le persone su scala globale“.

Il piano di Meta è un po’ articolato ma semplice. In primo luogo, l’azienda sta sviluppando No Language Left Behind, un sistema di traduzione in grado di imparare “ogni lingua, anche se non c’è molto testo da cui imparare“.

Stiamo creando un modello unico in grado di tradurre centinaia di lingue con risultati all’avanguardia e la maggior parte delle combinazioni linguistiche, dall’austriaco all’Uganda all’urdu“.

In secondo luogo, la società vuole creare un Babelfish AI. “L’obiettivo qui è la traduzione istantanea della sintesi vocale in tutte le lingue, anche quelle per lo più parlate; la capacità di comunicare con chiunque in qualsiasi lingua“, ha promesso Zuckerberg. “È un superpotere che le persone sognavano da sempre e l’IA lo consegnerà nel corso della nostra vita“.

L’azienda deve ancora affrontare il principale ostacolo alla scarsità di dati. “I sistemi di traduzione automatica (MT) per le traduzioni di testo in genere si basano sull’apprendimento da milioni di frasi di dati annotati”, ha scritto Facebook AI Research in un post sul blog mercoledì. “Per questo motivo, i sistemi di traduzione automatica in grado di traduzioni di alta qualità sono stati sviluppati solo per le poche lingue che dominano il web“.

Ti potrebbe interessare