Spotify ha deciso di chiudere i suoi uffici in Russia

Spotify ha dichiarato che, in risposta all’attacco effettuato da Mosca all’Ucraina, chiuderà i suoi uffici in Russia per tutto il tempo necessario.

Spotify ha dichiarato mercoledì di aver chiuso i suoi uffici in Russia a tempo indeterminato in risposta a quello che la piattaforma di streaming audio ha descritto come “l’attacco non provocato all’Ucraina da parte di Mosca“.

Da luglio 2021, la legislazione russa firmata dal presidente Vladimir Putin ha obbligato le società straniere di social media con oltre 500.000 utenti giornalieri ad aprire uffici locali o ad essere soggette a restrizioni tanto severe quanto divieti assoluti.

Spotify mostra rispetto per gli ucraini attaccati e chiude i suoi store in Russia

Prima della scadenza di marzo, solo poche aziende, tra cui Spotify e Apple, avevano rispettato. Dall’invasione russa dell’Ucraina la scorsa settimana, che Mosca chiama “operazione speciale“, i governi occidentali hanno esortato le aziende a respingere Putin in ogni modo possibile.

La nostra prima priorità nell’ultima settimana è stata la sicurezza dei nostri dipendenti e garantire che Spotify continui a fungere da importante fonte di notizie globali e regionali in un momento in cui l’accesso alle informazioni è più importante che mai“, ha affermato la compagnia in un dichiarazione.

La società ha affermato di aver esaminato migliaia di contenuti dall’inizio della guerra e di aver limitato la rilevabilità degli spettacoli di proprietà e gestiti dai media affiliati allo stato russo.

All’inizio di questa settimana, ha anche rimosso tutti i contenuti dai media statali RT e Sputnik dalla piattaforma nell’Unione Europea, negli Stati Uniti e in altri mercati in tutto il mondo, ad eccezione della Russia, seguendo le mosse simili effettuate da parte di Facebook di Meta Platforms Inc (FB.O) e Twitter (TWTR.N).

Mercoledì Sputnik ha dichiarato via e-mail che “qualsiasi restrizione ai membri della stampa è una palese censura e l’esempio più sporco di violazione della libertà di parola“. RT ha affermato all’inizio di questa settimana che le società tecnologiche che lo hanno rimosso non hanno citato alcun problema con la sua copertura.

Spotify ha affermato anche che farà eccezionali sforzi umanitari per supportare la gente che soffre la guerra in Ucraina.

Ti potrebbe interessare