Consumi ed export fermi

Le indicazioni che provengono dall’Ocse e dalla Bce non sono tra le migliori. I dati confermano una contrazione per il Vecchio Continente nei primi due trimestri del 2008 e una previsione di crescita negativa dello 0,5% per l’anno che verrà.

In pratica la crisi finanziaria ha messo in ginocchio le economie che stentano a risollevarsi e ha fermato i consumi e l’export.

La contrazione del secondo trimestre del PIL e l’andamento negativo del terzo trimestre dello 0,5% fa si che la Germania sia il primo paese ad entrare ufficialmente in recessione.

L’Ocse sostiene che:

seguirà un lungo periodo di turbolenze finanziarie per tutto il 2009 e una graduale normalizzazione successiva.

Per la Banca Centrale Europea invece, l’andamento incerto legata ai mercati finanziari

rimane straordinariamente elevato e si profilano sfide di natura eccezionale.

Servono regole concrete e rigide da applicare per far fronte all’attuale situazione.

Ma non servirà appunto uno sforzo comune per fronteggiare l’emergenza anziché affidarsi alla bontà delle politiche dei singoli governi?

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti