QR code per la pagina originale

Apple iPod Nano

Con la nuova versione del Nano, Apple è tornata alle origini... cambiando tutto!

Prezzo

€ 169

Giudizi
  • Caratteristiche7
  • Design9
  • Prestazioni7,5
  • Qualità prezzo7,9
Pro

Touchscreen multitouch, piccolo e leggero, ottima qualità audio

Contro

Troppo piccolo per alcuni, prezzo, meno funzioni della versione precedente

Di , 13 settembre 2010

Un iPod Nano tutto nuovo

Apple ha recentemente presentato la sua nuova linea di lettori MP3. Vera sorpresa tra i nuovi arrivati in casa della mela morsicata, l’iPod Nano, oggetto dell’ennesimo re-design (stavolta il più radicale di tutti).

Si tratta, ora, di un dispositivo full touchscreen dalle dimensioni appena maggiori di quelle dell’iPod Shuffle e dotato di un nuovo sistema operativo, che ricorda moltissimo iOS. Dalla forma quasi perfettamente quadrata, il Nano misura appena 37,5×40,9×8,78  mm e pesa solamente 21 g.

Lo schermo è da 1,54 pollici di tipo capacitivo con funzionalità multitouch, con una risoluzione di 240×240 pixel, che si dimostrano più che sufficienti su un dispositivo così miniaturizzato. La scocca è realizzata in alluminio anodizzato, mentre le colorazioni disponibili sono ben 7.

Ritorno alle origini

iPod Nano in 7 colorazioni

Rispetto al vecchio modello, grande assente è la fotocamera, che sparisce assieme alla maggior parte dei pulsanti fisici. Ne rimangono solamente tre: uno sulla parte superiore destra del lettore, dedicato all’accensione e allo spegnimento, e due per il controllo del volume, posti sul lato sinistro.

Sebbene lo schermo sia davvero piccolo, con i suoi soli 3,9 cm di diagonale, la navigazione tra i menu risulta agevole e precisa. Notevole il miglioramento in questo frangente rispetto alla rotella di selezione.

L’iPod Nano è da sempre un dispositivo dedicato all’ascolto puro e semplice della musica. La versione 2010 torna alle origini eliminando alcune delle funzionalità accessorie del precedente modello come, ad esempio, la riproduzione video, la rubrica, il calendario, le note e i videogiochi. All’utente è lasciata unicamente la possibilità di ascoltare brani musicali e guardare le fotografie, sebbene il piccolo schermo non sia particolarmente indicato a questo utilizzo.

Non è iOS

iPod Nano

Sebbene l’interfaccia ricordi moltissimo iOS, il sistema operativo dell’iPod Nano è del tutto nuovo e realizzato appositamente per questo dispositivo. La maggior parte dei possessori di dispositivi mobile della casa di Cupertino troveranno comunque familiare l’interfaccia del nuovo Nano.

La navigazione tra i menu, infatti, avviene mediante “gesture”, mentre per accedere alla homescreen basta tenere premuto il dito sullo schermo per pochi istanti. Inoltre è possibile spostare le icone in base alle proprie preferenze e all’utilizzo abituale che si fa del dispositivo.

Non manca la possibilità di gestire in maniera semplice e immediata lunghe liste di canzoni, artisti e album, così come la radio FM e la possibilità di registrare la voce, a patto di utilizzare degli auricolari con microfono integrato.

Per gli amanti del fitness è già presente l’applicazione Nike+ per tenere sotto controllo le proprie prestazioni durante l’allenamento. Infine, molto utile la possibilità di selezionare come lock screen un orologio analogico, che trasforma magicamente l’Pod Nano in un orologio da taschino!

Purtroppo, il multitouch non è implementato nella galleria immagini, dove per zoomare è necessario utilizzare il vecchio metodo del doppio tap.

Qualità d’ascolto

Per quanto riguarda la qualità dell’audio, sembra che Apple abbia fatto un ottimo lavoro, facendo persino dei passi in avanti rispetto alla precedente generazione di dispositivi. I bassi sono pieni e profondi, con alti non eccessivamente taglienti. In questa fascia di prezzo, l’iPod Nano si dimostra un ottimo concorrente.

Per quanto riguarda la scelta di acquistare o meno il Nano piuttosto che un altro iPod (o un lettore MP3 di un altro produttore), dobbiamo dire che, per chi è alla ricerca di un dispositivo al solo scopo di riprodurre musica, esistono valide alternative a un costo decisamente più contenuto, sebbene meno trendy. Inoltre i possessori dei vecchi modelli potrebbero sentire la mancanza di alcune funzionalità eliminate nella versione 2010, ma questo dipende dal tuitpo di utilizzo a cui si è abituati.

Dall’altro lato, la semplicità di utilizzo, il design innovativo e le dimensioni estremamente ridotte possono ampiamente giustificare la cifra di 169 euro per il modello da 8GB e 199 euro per quello da 16 GB.