QR code per la pagina originale

ASUS ChromeBox CN60: chromeOS Media center

ASUS ChromeBox CN60 è una soluzione desktop basata su sistema operativo ChromeOS, pensato per offrire velocità e semplicità di utilizzo.

8,2
A partire da

€ 179

Giudizi
  • Caratteristiche7,6
  • Design7,8
  • Prestazioni8,8
  • Qualità prezzo8,5
Pro

Molto fluido, prezzo molto competitivo

Contro

Poca memoria interna, nessuna possibilità di installare app di terze parti, incompatibilità di ChromeOS con Silverlight

Di , 4 Agosto 2015

Design

Molto compatto e leggero, ASUS ChromeBox CN60, un PC ultracompatto, è un parallelepipedo con base quadrata di 124mm di lato e 42 mm di altezza. È dunque sufficientemente piccolo da poter essere posizionato sotto la TV per essere utilizzato anche come media center – e nella scatola è compreso un supporto VESA.

Caratteristiche

Nella versione testata, ASUS ChromeBox CN60 ha una configurazione hardware che comprende una CPU Intel Celeron 2955U dual core da 1.4GHz (ma sono disponibili anche configurazioni con Core i7 4600U fino a 3.3 GHz e Core i3 4010U a 1.7 GHz), con 2GB di RAM a 1600MHz (si può arrivare fino a 4 GB di RAM).

Lo spazio di archiviazione è molto esiguo, solo 16 GB SSD. D’altronde ChromeOS è un sistema operativo pensato per la navigazione sul Web e quindi per la fruizione in streaming di contenuti. La giusta scelta di preferire una SSD rispetto ad un hard disk velocizza naturalmente tutte le operazioni, dalle più comuni alle più complesse, essendo la cache su disco molto più veloce.

La scheda grafica integrata è una Intel HD 4000, molto performante nel processare operazioni comuni come rendering di video su YouTube o, in generale, di siti, e permette di visualizzare informazioni sullo schermo a una risoluzione massima di 1920×1080. La configurazione top di gamma comprende la più avanzata Intel HD 4400, che supporta una risoluzione più elevata e garantisce un maggior numero di tab aperti in background.

Questo ChromeBox è molto ben fornito sul lato connettività: ha ben 4 porte USB 3.0 distribuite tra la parte frontale e il retro, una porta HDMI, uno slot per microSD, uno slot Kensington Security, la porta Ethernet, la DisplayPort e il jack per le cuffie. Utilizza anche il Wi-Fi 802.11 a/b/g/n e il Bluetooth 4.0 per le connessioni senza fili.

Galleria di immagini: ASUS ChromeBox CN60, le foto

Chrome OS

Essendo il primo mini-PC ASUS con ChromeOS preinstallato, è doveroso dedicare un paragrafo all’esperienza d’uso del sistema operativo di Google. Nato sui Chromebook, è stato pensato per essere un OS dinamico e leggero, che non richiedere particolari specifiche tecniche.

Su un PC desktop che non deve affrontare problemi come l’autonomia o la connettività wired o wireless, questo concetto è espresso in un modo completamente diverso: ChromeBox viene così visto come un media center, dunque ottimo per guardare film in streaming e per visualizzare gli album di famiglia su Google Foto. Inoltre, grazie alla doppia uscita video, è possibile collegare due schermi contemporaneamente.

L’interfaccia è molto semplice già a partire dalla prima configurazione: è possibile accedere e creare un profilo sia con il proprio account Google che in modalità ospite. L’accensione è istantanea e porta subito alla schermata desktop, molto simile a quella che offre Windows: le icone nella barra della applicazioni riconducono a tab aperte sul browser e, al posto del tasto Start, vi è il pulsante Cerca, che permette di scorrere la lista delle app e di digitare velocemente una URL.

Ogni app è in realtà una webapp scaricabile dal Chrome Web Store, una sorta di estensione per il browser. Di default, sono preinstallate tutte le app di Google come Mail, Maps, Play Music, Play Libri, Documenti, Fogli, Presentazioni. In realtà, le webapp riconducono semplicemente alla pagina web, ma sembrerebbe che vengano eseguite in maniera molto più veloce rispetto a quanto succede sugli altri sistemi operativi.

I video su YouTube vengono caricati istantaneamente (fino a 720p), le pagine si caricano in pochi secondi e il sistema non subisce rallentamenti neanche con 10-15 tab aperte in contemporanea. La riproduzione video oltre i 720p è invece sconsigliata perché si verificano rallentamenti, per non parlare di video in 2K e 4K.

Prestazioni

Le prestazioni di questo ASUS ChromeBox CN60 sono, ovviamente, dipendenti dal sistema operativo preinstallato: ChromeOS non supporta tutta una serie di funzionalità ma ne rende altre estremamente semplici e veloci. Dal semplice ascolto di musica, fino alla riproduzione video e videoscrittura, ogni webapp è perfettamente progettata per offrire un’esperienza pulita e senza fronzoli.

Purtroppo, di contro, non è possibile usufruire di servizi che risiedono su piattaforme che utilizzano Silverlight, e quindi sarà impossibile andare ad esempio su SkyOnline e Infinity. Questa mancanza (del sistema operativo, non dell’hardware) non rende ChromeBox il perfetto sostituto di una Smart TV. Tuttavia, guardando al futuro e all’arrivo di Netflix in Italia (che almeno in altri paesi non si basa su Silverlight), questo mini-PC incontrerà sicuramente le esigenze di una fetta corposa di utenti che cercano un media center a un costo esiguo.

Nonostante le specifiche tecniche non siano esaltanti, il prodotto è terribilmente veloce: essendo progettato esclusivamente per la navigazione, il motore che fa il rendering delle pagine e dei video è efficientissimo, sembrerebbe anche più efficiente di Chrome su altri sistemi operativi. L’accensione richiede solo 2 secondi, è istantanea, e il multitasking funziona perfettamente – d’altronde, ogni processo è semplicemente un tab aperto sul browser web.

Sull’unità di prova sono stati eseguiti dei test specifichi per la piattaforma ChromeOS utilizzando l’app CrXPRT, che testa la velocità di rendering e la fluidità di aggiornamento delle pagine web in diversi contesti: il dispositivo ha ottenuto un punteggio pari a 88/100, il che conferma le prestazioni eccellenti nonostante la dotazione hardware non sia di un top di gamma. Sono stati anche eseguiti test con SunSpider, che hanno impiegato 387.2ms per essere completati: i processi più impegnativi sono stati quelli di modellazione 3D, 68.2ms complessivamente nei tre test (ovviamente, una conferma in più che la HD 4000 non eccelle in questo tipo di operazioni, ma si comporta egregiamente durante l’uso quotidiano).

In tutto questo, anche con molte tab aperte e video in riproduzione, dopo svariati test ASUS ChromeBox CN60 non ha subito surriscaldamenti, anzi, la temperatura sull’involucro esterno si è alzata di pochissimo, anche con il caldo estivo e la temperatura ambientale di oltre 30 gradi.

Giudizio

Fluido, scattante e senza fronzoli, ASUS ChromeBox CN60 è un perfetto media center da posizionare in soggiorno, con l’unico limite dato dal mancato supporto di Silverlight da parte di ChromeOS.

Il prezzo è veramente molto competitivo, ma solo per il modello base: il top di gamma si aggira intorno ai €300, cifra eccessiva per un prodotto single-purpose. Tutti i processi vengono eseguiti senza problemi anche dal modello base, senza rallentamenti.