QR code per la pagina originale

ASUS VivoTab Note 8: tablet creativo

Asus VivoTab Note 8 è un tablet Windows 8.1 dotato di penna Wacom, schermo IPS da 8" con risoluzione 1.200x800 e 32 GB di memoria espandibile.

Prezzo

€ 300

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Design7
  • Prestazioni8
  • Qualità prezzo8
Pro

Penna Wacom inclusa, buona potenza, espandibilità microSD, OS Windows 8.1 full

Contro

Design poco raffinato, risoluzione e visibilità dello schermo migliorabili, tasto Start scomodo da raggiungere

Di , 17 Febbraio 2014

Blocco Note Digitale

Con il suo VivoTab Note 8, Asus lancia sul mercato un tablet che unisce alle interessanti funzionalità dell’esperienza Windows completa (e dunque non in versione RT) la dotazione di un accessorio particolare e, a seconda delle esigenze, potenzialmente molto utile: una penna Wacom sensibile ai livelli di pressione, che trasforma questo device in uno strumento pensato anche e soprattutto per chi vuole prendere note e disegnare.

Lo schermo da 8″ garantisce ottima trasportabilità, mentre il resto della dotazione tecnica è commisurato alla fascia di prezzo, che al momento dell’uscita del VivoTab Note 8 (fine febbraio) dovrebbe corrispondere a circa € 300 per la versione da 32 GB di memoria.

Scheda tecnica e design

Al cuore dell’Asus VivoTab Note 8 troviamo un processore Intel Atom Z3740 (Bay Trail), quad core da 1,33 GHz, affiancato da 2 GB di RAM. I 32 o 64 GB di memoria sono espandibili tramite la consueta porta microSD, mentre lo schermo, ovviamente da 8 pollici di diagonale, è un IPS con 1.280×800 punti di risoluzione.

La fotocamera posteriore è da 5 megapixel, ma è priva di flash. Tra le altre assenze rilevabili c’è quella della connettività 3g/4g (chi desidera utilizzare Internet in mobilità dovrà rivolgersi altrove) e anche quella di un’uscita micro HDMI, che avrebbe potuto rivelarsi utile in un dispositivo del genere. La batteria garantisce fino a 8 ore di utilizzo continuativo e non è rimovibile.

Galleria di immagini: ASUS VivoTab Note 8, le foto

A livello di design, l’Asus VivoTab Note 8 si rivela uno strumento adeguatamente solido, ma le sue dimensioni non sono da peso piuma (220x134x10,95 mm, per circa 380 grammi) e i materiali impiegati non appaiono particolarmente pregiati: ci troviamo essenzialmente di fronte a plastiche di media qualità. In particolare, i tasti disposti sui lati del dispositivo sono abbastanza duri e poco confortevoli da premere, restituendo un feedback scarsamente preciso. Questo non è un dettaglio, perché Asus ha scelto di non includere un classico tasto Windows sulla cornice del dispositivo, bensì di sostituirlo con un pulsante laterale come quello dedicato all’accensione: lo troviamo sul fianco sinistro in posizione di portrait, appena al di sopra dello slot microSD, e la nostra prova ha evidenziato un’usabilità non eccellente. Peccato, perché si tratta di uno strumento di controllo fondamentale.

Le note positive di design riguardano un inserimento ottimale del pennino, che sparisce completamente nella scocca e davvero non sembra aggiungere alcun volume al dispositivo, e una disposizione degli speaker in posizione realmente stereofonica: sui due lati del tablet in posizione landscape. Nel complesso, il design non è tra i punti di forza di questo dispositivo, ma nemmeno si rivela eccessivamente scadente.

Performance e usabilità

Nell’utilizzo quotidiano, l’Asus VivoTab Note 8 si dimostra in grado di gestire senza grandi sforzi l’OS Windows 8.1, anche in versione Desktop, e le varie app correlate. Il chipset offre potenza sufficiente a garantire un’esperienza priva di particolare lag o singhiozzi, anche in fase di multitasking piuttosto intensa.

Davvero molto interessante è l’integrazione del pennino Wacom, che non solo consente di prendere note a mano libera o di disegnare (grazie alle app incluse come Paint e OneNote), ma rende anche molto più controllabile l’interfaccia Desktop, consentendo di interagire con precisione anche con le icone e le impostazioni di dimensione più minuta.

La sensibilità ai livelli di pressione appare ben reattiva e consente di selezionare la pesantezza del tratto calcando o meno la mano, mentre la possibilità di interagire con lo schermo anche lasciando il pennino semplicemente sospeso a pochi millimetri al di sopra di esso, senza un tocco effettivo, aggiunge interessanti opzioni di utilizzo.

Purtroppo, a non brillare è lo schermo in sé dell’Asus VivoTab Note 8, che, con i suoi 1.200×800 pixel spalmati su 8 pollici di diagonale, non risulta definito quanto i migliori esponenti della categoria: l’esperienza è comunque buona, ma l’inclusione di un pannello Full HD l’avrebbe sicuramente migliorata. Anche in quanto a resa cromatica e angolo di visuale, questo IPS non appare eccellere, ma si tratta probabilmente di un effetto collaterale dovuto alla tecnologia impiegata per il pennino, e dunque di un difetto perdonabile.

A livello multimediale, l’esperienza di riproduzione video HD è buona, anche se l’audio che fuoriesce dagli speaker risulta abbastanza impastato ai massimi volumi. Discreta la performance della fotocamera, nonostante i soli 5 megapixel, e anche il gameplay risulta più che godibile con i titoli tradizionali. La prova con Rayman Jungle Run ha dimostrato un’ottima fluidità di gioco, mentre per stressare la GPU con un titolo più pesante abbiamo tentato l’installazione di Asphalt 8, che però non è andata a buon fine per ragioni ignote che denotano, probabilmente, qualche problema di compatibilità residuo tra OS e tablet.

A monte dell’intera esperienza di utilizzo c’è, come detto, l’OS Windows 8.1, che offre sicuramente caratteristiche interessanti, come la doppia interfaccia Desktop/tablet, ma è ancora innegabilmente acerbo sotto diversi punti di vista, a partire dalla disponibilità di app sullo store digitale, fino ad alcune incongruenze di interfaccia.

Verdetto

L’Asus VivoTab Note 8 è un tablet Windows dalla buona dotazione tecnica, che trova il suo maggiore punto di interesse nell’inclusione di un pennino Wacom, ben integrato e molto utile in svariate situazioni, nonché sicuramente in grado di favorire l’impiego creativo.

Design, risoluzione dello schermo, qualità costruttiva e peso non sono tra i punti forti di questo dispositivo, che, con i suoi 300 euro circa di prezzo, non è nemmeno da considerare tra i tablet 8″ economici, e senz’altro risente della concorrenza di alcuni dispositivi Android ben più vantaggiosi in rapporto qualità/prezzo (basti pensare al Nexus 7 2013). Se però si vuole un tablet molto trasportabile e nativamente dotato di penna sensibile ai livelli di pressione, la soluzione offerta da Asus appare comunque tra le più interessanti attualmente sul mercato.