QR code per la pagina originale

LG SK9500

LG SK9500 è una Smart TV LED dalle prestazioni molto interessanti nonostante un prezzo tutto sommato contenuto e la rinuncia alla tecnologia OLED.

8,1
  • Recensione
Prezzo

€ 2.999

Giudizi
  • Caratteristiche8
  • Design8,5
  • Prestazioni8
  • Qualità prezzo8
Pro

Buona qualità a un prezzo interessante, comandi vocali efficaci, ottima piattaforma software per la Smart TV

Contro

I riflessi sul pannello non sono ben schermati

Di , 26 settembre 2018

LG 65 sk9500 – Tutti i dettagli:

In queste ultime settimane abbiamo avuto modo di provare il nuovo Smart TV LG Sk9500, una delle principali novità del 2018 del colosso koreano, nella versione da 65 pollici. Tra le principali novità introdotte in questa nuova versione spiccano il processore Alpha 7 e un Led Full-Array con local dimming.

Design ()

LG Sk9500 è una gioia per gli occhi perché introduce elementi di design ricercati, a partire dal colore bronzo, non così convenzionale attorno al display, lungo un bordo ridotto a circa 1,3 cm, mentre gli spigoli sono in color rame è il pannello sul retro è bombato con texture zigrinata che ricorda vagamente il legno (spessore massimo 6,3 cm). La base ad arco è molto sottile e attutisce le vibrazioni, ma non permette la rotazione dello schermo.

Sul pannello posteriore trovano posto tutti i principali attacchi: 4 HDMI, 3 porte USB e le uscite audio.

Scheda Tecnica ()

Grazie alle nano particelle la visibilità è ottima anche da angolazioni laterali e i colori sono sorprendenti, merito del pannello Led da 65 pollici 4k (3840×2160) con gestione del colore a 10 bit e supporto per le tecnologie HDR10 pro, HDR Dolby Vision, Advanced HDR by Technicolor, HLG pro e HDR Effect.

Le dimensioni senza la base sono 1452 x 833 x 62.5 mm. Grazie alla tecnologia di retro illuminazione Full Array Local Dimming inoltre la sorgente Led viene suddivisa in sezioni che possono essere accese e spente individualmente. Questo permette di migliorare il contrasto e la profondità dei neri (sebbene non reggano il confronto con gli Oled).

Ottima la LG Sk9500, che rende lo schermo sempre visibile anche con molta luce, mentre convince meno il rivestimento anti riflessi, che in molti ambienti disturba la visione. Sopra la media il comparto audio, che ha una potenza di 40 watt e supporta la tecnologia Dolby Atmos.

Ma uno dei veri punti di forza di questo LG Sk9500 è sicuramente la parte software, che integra il sistema webOS 4.0 e le funzionalità dell’assistente intelligente LG ThinQ permettendo di gestire il televisore con la voce anche per cambiare canale o passare alla console.

Inoltre, premendo il simbolo Home sul telecomando, è possibile passare velocemente dai Canali TV alle App installate come Netflix, TimVision, Infinity, Prime Video, YouTube, oppure alle periferiche collegate o aprire il browser Web, la musica o la gallery. Il telecomando è davvero comodo e può essere usato come puntatore per muoversi più velocemente all’interno dell’interfaccia utente; c’è pure una rotellina cliccabile per navigare più velocemente tra tutti i canali disponibili. Non mancano i tasti dedicati a Netflix, Prime Video e al microfono.

Prezzo ()

L’LG SK9500 viene commercializzato in 2 versioni, in colore bronzo, la prima da 55 pollici a 1999 euro e la seconda da 65 pollici a 2999€, ma si può facilmente trovare a prezzi più bassi.

Recensione ()

LG Sk 9500 con il suo schermo da 65 pollici è una smart TV completa, sia a livello hardware che software, molto luminoso e definito, ma anche un bell’oggetto di design.

Il pannello si vede bene da tutte le angolazioni e restituisce sempre un’ottima profondità. Possono dar fastidio però i riflessi che spesso disturbano la visualizzazione.

Il menù del software è completo, fruibile e integra tutte le principali piattaforme per lo streaming video e audio per poterlo sfruttare a 360°, l’interfaccia grafica è bellissima e ben studiata, i comandi risultano molto facili e intuitivi.

Ottimo il controllo vocale che permette di effettuare le ricerche velocemente, grazie anche al telecomando con puntatore integrato. Quest’ultimo però non è sempre comodo perché rimane spesso in campo e attiva funzioni inavvertitamente.