QR code per la pagina originale

Sony HDR-AS30V: videocamera estrema

Sony HDR-AS30V è una action cam resistente ad acqua e urti, con Wi-Fi e GPS integrati, modalità slow motion e intervallometro.

Prezzo

€ 300

Giudizi
  • Caratteristiche8,5
  • Dotazione7,5
  • Prestazioni8
  • Qualità prezzo8
Pro

Buona qualità video, GPS e Wi-Fi integrati, stabilizzatore efficace, modalità slow motion e intervallometro, disponibili numerosi accessori

Contro

Qualità del corpo macchina migliorabile, menu a tratti incoerente, lo stabilizzatore riduce l'angolo di visuale

Di , 14 Novembre 2013

Pronta a tutto

Il settore delle videocamere action, pronte a effettuare riprese in situazioni estreme e adatte a impieghi decisamente non tradizionali, è letteralmente decollato negli ultimi anni, specialmente tra il pubblico più giovane e avventuroso, desideroso di condividere su YouTube e sui social network le proprie imprese.

Con la nuova HDR-AS30V, Sony aggiorna la sua line-up dedicata a questo particolare segmento di mercato, offrendo uno strumento dall’interessante scheda tecnica e circondato da una serie di accessori che gli consentono di essere impiegato nelle situazioni più disparate.

Dotazione e design

Le caratteristiche tecniche della Sony HDR-AS30V sono, ovviamente, molto focalizzate sul particolare utilizzo cui questa videocamera è destinata. Abbiamo dunque un sensore in grado di registrare video fino alla risoluzione massima di 1080p con 60 fps, un obiettivo a focale fissa in grado di offrire un angolo di ripresa di 170° (con un’apertura di f/2,8), uno stabilizzatore integrato (il cui impiego riduce il campo visivo a 120°), la possibilità di catturare immagini statiche da 11,9 megapixel, l’inclusione di Wi-Fi, NFC e GPS, la presenza di modalità high frame-rate da 60 e 120 fps per realizzare interessanti slow motion, una funzione intervallometro e, infine, la possibilità di controllare la videocamera a distanza tramite dispositivi Android e iOS (attraverso l’app dedicata).

A fronte di una scheda tecnica, dunque, abbastanza nutrita, c’è un design molto essenziale: solo tre tasti sono presenti sul corpo macchina e vengono impiegati per attivare tutte le funzioni, monitorabili attraverso il piccolo schermo monocromatico a cristalli liquidi, che rappresenta l’unica interfaccia visiva di questo strumento.

Galleria di immagini: Sony HDR-AS30V, le foto

Anche grazie a questa essenzialità, la Sony HDR-AS30V è davvero piccola e molto leggera (circa 90 g). Va detto, però, che la costruzione fisica potrebbe risultare più solida: in particolare, lo sportellino che protegge le connessioni (micro HDMI, porta microfono, microUSB e connettore proprietario per gli accessori) è davvero molto sottile e fragile, forse troppo per una videocamera “estrema”.

Ovviamente, per blindare il corpo macchina è presente il consueto guscio esterno, fornito nella confezione, che rende la Sony HDR-AS30V impermeabile (fino a 5 m di profondità), resistente a polvere e agenti atmosferici e a prova di urto e caduta (fino a circa 2 m di altezza). La scocca esterna è ben realizzata e trasmette una sensazione di robustezza adeguata, lascia libero l’accesso a tutti i tasti e fornisce soprattutto una filettatura standard, tramite la quale si può agganciare la videocamera a qualsiasi treppiede o, impiegando uno dei numerosi accessori, a supporti di ogni tipo (manubri di biciclette e altro ancora).

È proprio negli accessori che questa videocamera Sony mostra il suo carattere più interessante: nella confezione base sono inseriti solo il guscio e un paio di supporti adesivi (a base piatta e concava), ma per chi volesse espandere le potenzialità di questo strumento, gli optional disponibili sono numerosi e molto particolari. È presente, ad esempio, un grip che integra uno schermo LCD tradizionale, tramite il quale si può trasformare la HDR-AS30V in una videocamera più a tutto tondo, ma ancora più interessante è lo schermo da polso, una sorta di smartwatch che consente di controllare tutte le funzioni e osservare l’inquadratura a distanza anche nelle situazioni più movimentate.

Usabilità e qualità video

Sony HDR-AS30V

Nonostante la Sony HDR-AS30V sia uno strumento abbastanza essenziale in quanto a funzioni e opzioni, il suo menu non è particolarmente immediato. Data la limitatezza dei controlli, anche operazioni molto semplici possono richiedere una lunga sequenza di tasti da premere: lo stesso spegnimento della videocamera è delegato a una voce di menu e, dunque, è impossibile da effettuare con rapidità.

A questo difetto di fondo va aggiunta una certa incoerenza per quanto riguarda il funzionamento di alcune opzioni: attivando lo stabilizzatore, ad esempio, si limita automaticamente l’angolo di visuale a 120°, ma disattivandolo di nuovo non si torna automaticamente ai 170° originali: è invece necessario impostare manualmente un’opzione dedicata. È immaginabile, comunque, che il menu di uno strumento di questo tipo nasca per essere pre-impostato e poi raramente modificato durante la ripresa vera e propria, quindi una certa mancanza di rapidità nelle operazioni può essere considerata un difetto veniale.

Sul fronte della qualità delle riprese, la Sony HDR-AS30V regala soddisfazioni maggiori. La qualità dei filmati è buona, anche in condizioni di luce relativamente bassa, grazie a valori cromatici e di esposizione piacevoli (per una videocamera di questa categoria) e a una fluidità senz’altro adatta a riprendere i movimenti più acrobatici.

La possibilità di registrare a 60 o addirittura 120 fps, oltretutto senza compromettere in modo grave il dettaglio finale, consente di realizzare divertenti slow-motion, molto adatti a svariate situazioni “action”.

È buona anche la prestazione dello stabilizzatore integrato, il quale, seppur limitando notevolmente il campo visivo e introducendo a volte un po’ di effetto gelatina nell’immagine catturata, riesce a contenere in maniera abbastanza efficace le vibrazioni, che di certo non mancheranno nella maggior parte delle situazioni di impiego per questo strumento.

Sony HDR-AS30V

Anche il sonoro stereo catturato dai microfoni incorporati è di qualità discreta, a patto che la videocamera sia nuda: impiegando il guscio, infatti, l’audio risulta parecchio attutito, come del resto era prevedibile. È piacevole anche la funzione di intervallometro, che consente di catturare immagini ogni 5, 10, 30 o 60 secondi per realizzare poi video time-lapse a velocità accelerata.

Infine, si rivela piuttosto comoda anche l’interazione con l’app dedicata per piattaforme Android e iOS: le operazioni di sincronizzazione sono molto semplici (anche senza impiegare la tecnologia NFC) e il software, seppur piuttosto scarno, funziona abbastanza bene, consentendo di modificare con semplicità le opzioni della videocamera e offrendo una preview video senz’altro utile in innumerevoli situazioni.

Conclusioni

La Sony HDR-AS30V è una videocamera action completa, capace di esprimere una discreta qualità audio/video e dotata di interessanti funzioni che ne rendono piacevole e divertente l’impiego (slow motion, intervallometro su tutto), oltre a una buona dose di connessioni e antenne (Wi-Fi, GPS, NFC).

La presenza di numerosi accessori avanzati e originali accresce l’unicità di questo strumento, che può letteralmente trasformarsi a seconda di come si desideri impiegarlo.

Fuori dal guscio, il corpo macchina risulta, forse, un po’ fragile per una videocamera action, e la dotazione non ottimale di menu e controlli rende a volte lento e complicato interagire anche con funzioni abbastanza semplici, ma nel complesso l’esperienza di utilizzo non ne risulta compromessa in modo significativo.

Il prezzo è più o meno in linea con quello degli altri dispositivi di questa categoria (GoPro in testa), rispetto ai quali la Sony HDR-AS30V rappresenta un’alternativa sicuramente da considerare.