QR code per la pagina originale

Sony NEX-5R: una Pro tascabile

Sony NEX-5R è una fotocamera a lenti intercambiabili, con un nuovo sensore a 16 megapixel e una completa connettività wireless, capace di registrare foto e video di qualità.

Prezzo

€ 750

Giudizi
  • Caratteristiche9
  • Dotazione8,5
  • Prestazioni9
  • Qualità prezzo8
Pro

Ottime immagini e video, gestione efficace del rumore, Wi-Fi integrato, sensore APS-C, accesso rapido ai social network, prestazioni autofocus

Contro

Manca il mirino, personalizzazione comandi limitata

Di , 19 Ottobre 2012

Evoluzione

La fotocamera a lenti intercambiabili Sony NEX-5R, la terza nella sua serie, punta a un’utenza decisamente più ambiziosa di quella per cui è pensata la sorellina entry-level NEX-3. Mentre quest’ultima è dedicata a chi vuole qualcosa in più rispetto a una classica compatta, la nuova NEX-5R migliora la precedente 5N con caratteristiche e prestazioni che, pur mantenendola a debita distanza dal top di gamma NEX-7, la rendono più attraente per i fotoamatori evoluti.

Venendo al sodo, parliamo di un tasto funzione e una ghiera di controllo completamente personalizzabili. Questi, a una prima occhiata, possono apparire come una semplice estensione delle possibilità di gestione offerte dalla 5N, ma dedicando più attenzione alla completezza e flessibilità dei controlli, Sony ha dimostrato di tenere in grande attenzione le richieste degli utenti, anche se non del tutto come avremmo voluto.

La Sony NEX-5R non è solo questo, ovviamente. Troviamo un nuovo sensore CMOS da 16,1 megapixel in formato APS-C e un autofocus ibrido che aggiunge il rilevamento di fase al sistema a contrasto. Sony segue così la strada già intrapresa dai leader del mondo della fotografia – Nikon e Canon – e da Fuji, potenziando le possibilità del sistema AF per rapidità nel complesso, ma soprattutto prestazioni nella messa a fuoco continua e nella ripresa di clip video.

Altro grande upgrade della Sony NEX-5R sulla generazione precedente è l’aggiunta della tecnologia DLNA e una serie di app integrate per la condivisione di immagini e video sui social network e sul sito Sony PlayMemories, o consentire l’impiego di uno smartphone Sony come mirino e per lo scatto remoto.

Design

Esteticamente la Sony NEX-5R è quasi indistinguibile dalla precedente NEX-5N, a parte alcune modifiche ai controlli fisici sul lato superiore. Alla prima presa in mano, sono confermate le sensazioni di solidità della struttura, qualità nella scelta dei materiali e nell’assemblaggio, ed ergonomia dell’impugnatura: la scocca è in magnesio, con comoda presa rivestita in morbida gomma dall’ottimo grip, e un ottimo bilanciamento dei pesi nonostante la forma esile e allungata. Solo chi ha le mani grandi e/o le dita lunghe può soffrire la limitata altezza del corpo macchina.

Galleria di immagini: Sony NEX-5R

Una volta montate le ottiche utilizzate per la nostra prova (un pregevole 24 mm F1.8ZA Sonnar T e lo zoom grandangolo 18-55 mm F3.5-5.6 OSS del kit), ci si rende realmente conto di quanto la Sony NEX-5R sia maneggevole: la fotocamera smette di apparire come una qualsiasi compatta, ma, pur non essendo più tascabile, raggiunge in ogni caso un’eccellente combinazione tra prestazioni e portabilità.

In fatto di disposizione dei comandi, poco o nulla cambia rispetto alla NEX-5N, a parte i già citati ghiera di controllo e pulsante Fn programmabili sul lato superiore. La conseguenza più evidente di questi nuovi controlli è il cambiamento nella collocazione dei pulsanti dedicati alla registrazione di clip video e alla riproduzione delle nostre riprese (foto e video).

Un altro cambiamento che si nota al primo utilizzo è l’incernieramento dello schermo touch posteriore, che può essere ruotato di 180°, con l’orientamento delle immagini che si adatta di conseguenza, una funzione utile per gli autoritratti. Ovviamente, con lo schermo in questa posizione non possiamo utilizzare il flash in dotazione (esterno collegabile al terminale integrato), impossibilitato a uscire. Inoltre, a differenza dell’entry level NEX-F3, con schermo ribaltabile, sulla Sony NEX-5R possiamo anche inclinarlo verso il basso di 40°, impostazione utile in situazioni in cui scattiamo tenendo la fotocamera in alto sopra la testa.

Funzioni personalizzabili

Vale la pena tornare sui nuovi pulsanti personalizzabili. Il tasto Fn permette di accedere rapidamente ai sei parametri di scatto predefiniti: selezione AF/MF, modalità AF, area AF, bilanciamento del bianco, misurazione dell’esposizione ed effetti sull’immagine. Queste le selezioni di default, ma possiamo assegnare le sei che preferiamo da una corposa lista che ne conta ben 16 (abbiamo anche qualità dell’immagine, ISO, Auto HDR, modalità flash, ecc.)!

Più intriganti le possibilità offerte dalla ghiera di controllo superiore della Sony NEX-5R, la cui funzione dipende dalla modalità di scatto in cui ci si trova: può essere usata per spostarsi tra le opzioni dei menu, tra le immagini in modalità riproduzione, o per regolare l’esposizione dopo aver premuto il pulsante di compensazione della stessa.

Così la gestione della fotocamera diventa immediata e intuitiva dopo una rapida fase d’apprendimento, con la ghiera superiore utilizzata in combinazione con quella posteriore, anche se il controllo non si può dire realmente completo. La ghiera superiore, infatti, prende il sopravvento su quella posteriore: la prima gode di più possibilità di configurazione – sei contro due – con la seconda, di fatto, sottoutilizzata.

Connettività

La strada intrapresa da Sony segue quella presa da altri produttori (Samsung con Galaxy Camera e NX20, e Nikon con S800c): connettività Wi-Fi per condivisione sui social network o su smartphone e tablet.

Sulla Sony NEX-5R si parte dall’app PlayMemories che, se installata sul proprio device mobile iOs o Android, permette prima di trasferire foto/video e visualizzarli sullo schermo del dispositivo e poi di condividerli.

Sony è andata anche oltre con l’applicazione PlayMemories Camera App, che espande le possibilità della NEX-5R: Picture Effect+ per applicare una serie di effetti digitali; Direct Upload per caricare direttamente i file su PlayMemories Online o su Facebook via Wi-Fi; Bracket Pro per gestire velocità dell’otturatore, apertura, punti di messa a fuoco e utilizzo del flash; Multi-Frame NR per combinare diversi scatti così da ridurre il rumore in condizioni di scarsa luminosità; Photo Retouch con un set di strumenti per l’editing; ma soprattutto Smart Control Remote per impostare i parametri di ripresa e poi scattare dal proprio smartphone o tablet.

Sul campo

Ma come si comporta la Sony NEX-5R sul campo? Il vantaggio di integrare una messa a fuoco ibrida (rilevamento di fase e del contrasto) la rende più precisa soprattutto nella messa a fuoco continua e durante le riprese video.

In sostanza, il rilevamento di fase è usato per guidare la lente vicino alla posizione del fuoco, situazione in cui interviene quella a contrasto di fase per scansionare e perfezionare il punto di messa a fuoco.

Complice anche una grande silenziosità, la Sony NEX-5R è particolarmente appagante nell’utilizzo outdoor: molto difficilmente il sistema AF è impreciso, anche in condizioni di scarsa luminosità o soggetti in movimento. In quest’ultima situazione, l’autofocus evoluto lavora a braccetto con lo scatto a raffica, che raggiunge la soglia di 10 fotogrammi al secondo a piena risoluzione.

Nel complesso, indipendentemente dalla modalità di scatto in cui ci si trova, la Sony NEX-5R è reattiva e prestante. Il bilanciamento del bianco automatico è affidabile nella maggior parte delle situazioni, così come la misurazione dell’esposizione Multi-Metering.

La qualità degli scatti denota un leggero miglioramento rispetto alla NEX-5N in fatto di rapporto segnale/rumore. A ISO intermedi – 200-400 – il rumore è ben controllato con nessun impatto sulla qualità degli scatti. A ISO 800 inizia a notarsi una certa granulosità che, però, compromette in minima parte il dettaglio. Solo a ISO 3.200 il rumore inizia a influire negativamente sulla qualità delle immagini, pur essendo gestito con efficacia dall’algoritmo di riduzione del rumore, che rende ancora leggibili i piccoli dettagli. Consigliamo sempre di scattare in modalità RAW e, in seguito, ridurre il rumore con tool dedicati quando si scatta oltre i 1.600 ISO.

La Sony NEX-5R conferma le prestazioni della generazione precedente nelle riprese video, in Full 2.530/50p o cinematografico 24p, in formato AVCHD.

Conclusioni

La Sony NEX-5R è un aggiornamento significativo della NEX-5N sia per usabilità sia per personalizzazione. La connettività Wi-Fi e le app Sony rendono questa fotocamera attraente per chi vuole essere sempre connesso e condividere le proprie riprese con semplicità e immediatezza.

Inoltre i nuovi pulsante Fn e selettore sul lato superiore fanno prendere confidenza con i controlli evoluti integrati su quest’ambiziosa fotocamera a lenti intercambiabili di gamma media.

Al tempo stesso, l’autofocus ibrido rende ancora più precisa e immediata la messa a fuoco, migliorando le possibilità della Sony NEX-5R nelle riprese video e negli scatti di soggetti in movimento.

In termini di pura qualità dell’immagine, invece, la NEX-5R conferma le prestazioni del modello di cui è erede, con prestazioni assimilabili alle reflex dello stesso livello equipaggiate con sensore in formato APS-C.

Considerato il prezzo del kit, tutto questo rende la Sony NEX-5R un’opzione molto interessante per chi arriva da una fotocamera compatta e desidera un concreto passo in avanti per prestazioni e versatilità, o chi semplicemente cerca un secondo corpo più compatto e leggero da affiancare alla propria reflex tradizionale, con un corredo di ottiche dedicate (chi ha un sistema Sony Alpha può recuperare i propri obiettivi con innesto A grazie all’anello adattatore dedicato).