Speciale Sky Q

Sky Q

Sky Q: più della semplice TV

Sky Q è l'ecosistema voluto da Sky per rendere l'intrattenimento domestico più ricco, avvincente e progettato attorno alle esigenze dello spettatore. La piattaforma si compone di un set-top-box centrale, lo Sky Q Platinum, a cui possono essere associati fino a quattro Sky Q Mini, per una visione multiscreen. In alternativa, Sky Q Black garantisce funzioni analoghe su singolo televisore.
Molte le possibilità di questo ecosistema, dalla registrazione di contenuti contemporanei all'uso di app di terze parti, il tutto con un'interfaccia grafica estremamente intuitiva.

Di

Nell’era della moltiplicazione dei device digitali, anche la pay-tv cambia volto: Sky ha infatti deciso di proporre Sky Q, il nuovo modo per accedere ai canali e ai contenuti del colosso dell’intrattenimento. Un vero e proprio ecosistema per la casa, composto sia da dispositivi che di appositi servizi, per moltiplicare l’esperienza di visione per gli abbonati.

Disponibile in Italia dalla fine del 2017, Sky Q è una piattaforma progettata attorno alle esigenze dell’utente, per liberare le sue necessità di fruizione. Ma quali sono le caratteristiche, i device inclusi e i costi d’accesso? Di seguito, qualche informazione utile.

Ecosistema e dispositivi ()

Sky Q

Sky (immagine: Sky).

Così come già accennato, Sky Q è l’avanzato ecosistema digitale proposto da Sky ai suoi abbonati, pensato per allargare l’esperienza di visione, rendendola più ricca, personalizzata e maggiormente fruibile. Questo universo d’intrattenimento nasce infatti per fornire all’utente la possibilità non solo di gestire in piena autonomia il proprio palinsesto, ad esempio decidendo quando incominciare la riproduzione di un programma già in onda, ma anche di approfittare della visione multischermo, delle feature di secondo schermo grazie alle applicazioni per dispositivi mobile e moltissimi altri servizi.

Per raggiungere questo traguardo, Sky ha rivoluzionato i dispositivi per l’accesso ai suoi servizi, non affidandosi più al classico decoder, bensì di un vero hub per l’intrattenimento domestico. All’interno di questo nuovo paradigma, trovano spazio diversi dispositivi:

  • Sky Q Platinum – Sky Q Black: l’universo di Sky Q parte dalla nuova unità centrale, un set-top-box dalle caratteristiche decisamente avanzate, tanto da superare il concetto del classico decoder. Il dispositivo principale, dalle linee eleganti ed essenziali, si caratterizza per la presenza di un multi-tuner satellitare e per un quadruplo tuner per il digitale terrestre, quindi per l’accesso alla Rete Internet sia via cavo che sfruttando i network WiFi e, ovviamente, per un grande spazio di archiviazione interno. Due le alternative offerte agli utenti: quella di Sky Q Platinum e Sky Q Black. La prima è la versione full-feature, comprensiva di ben 2 TB di spazio su disco, nonché abilitata alla visione su schermi multipli con Sky Q Plus e in mobilità con Sky Go. La seconda, invece, è pensata per offrire l’esperienza di Sky Q sul singolo televisore di casa, con uno spazio per il salvataggio dei propri contenuti di 1 TB;
  • Sky Q Mini: dei dispositivi satellite che si collegano, tramite il network WiFi domestico, al set-top-box Sky Q Platinum, per moltiplicare la visione su più schermi all’interno dell’abitazione. Un device Sky Q mini è incluso con Sky Q Platinum, ma se ne possono aggiungere altri tre, per un massimo di quattro visioni contemporanee;
  • Sky SoundBox (opzionale): il diffusore audio di Sky, pensato per garantire il massimo della riproduzione audio durante la fruizione dei propri contenuti preferiti.
  • Telecomandi Bluetooth: migliorano l’uso domestico rimuovendo la necessità di dover puntare l’accessorio verso il set-top-box, come accadeva per i precedenti telecomandi agli infrarossi. Inoltre, abilitano i comandi vocali grazie alla presenza di un microfono.

Funzionalità ()

Sky Q

Sky (immagine: Sky).

La galassia dei dispositivi Sky Q permette di abilitare funzionalità del tutto rinnovabile per l’accesso e la visione della programmazione dell’emittente satellitare.

Innanzitutto, Sky Q vede un’interfaccia completamente progettata, per rendere la navigazione più facile e intuitiva. Oltre alla lista sia dei canali pay compresi nel proprio abbonamento che di quelli del digitale terrestre, la nuova GUI incorpora una mini-guida, funzioni facilitate di registrazione, un’area per la ricerca rapida di qualsiasi contenuto, una sezione dedicata alle applicazioni di terze parti come DAZN e Spotify, nonché l’esclusiva My Q. Quest’ultima è un’area speciale dove gli utenti potranno trovare i loro canali e i contenuti preferiti, con suggerimenti e strumenti di navigazione elaborati in base ai propri gusti.

All’interfaccia ridisegnata corrispondono anche funzionalità del tutto nuovo, a partire dagli strumenti di visione, quest’ultima anche in 4K HDR. Con Restart, ad esempio, è possibile tornare all’inizio di un programma già in onda, per non perderne nemmeno un minuto. AutoPlay, invece, permette di visualizzare i propri contenuti senza soluzione di continuità, una soluzione molto comoda quando ci si lancia nel binge-watching della propria serie TV preferita, ad esempio. Registra, ancora, permette di salvare sul disco interno i programmi di proprio interesse, sia del canale attualmente in riproduzione che di altri: sono infatti ammesse fino a 4 registrazioni contemporanee.

Tra le altre feature di Sky Q, si elencano:

  • Guarda e cerca: per leggere la trama del contenuto in riproduzione, scoprire cosa sia in onda sugli altri canali o approfittare della guida TV, anche futura;
  • My Music: per ascoltare i propri brani preferiti, sia salvati su Sky Q che tramite le funzioni di AirPlay di Apple;
  • My Foto: tramite l’applicazione Sky Go per dispositivi mobile, e un set-top-box Platinum, è possibile guardare le proprie fotografie sulla TV;
  • Controllo vocale: una funzionalità pensata per controllare Sky Q direttamente con la voce;
  • Trova il telecomando: permette di localizzare il telecomando del set-top-box tramite l’emissione di un segnale sonoro;
  • Registra ovunque: per la versione Platinum, abilita il trasferimento delle registrazioni anche su tablet e smartphone, per approfittarne ovunque, anche in assenza di connessione;
  • Multiscreen wireless: tramite i device Sky Q Mini, è possibile associare fino a quattro schermi a Sky Q Platinum, per la visione contemporanea in più stanze della casa;
  • App di terze parti: Sky Q permette l’installazione di alcune applicazioni di terze parti – da Spotify a DAZN, passando per VEVO – diventando così l’hub di riferimento per l’intrattenimento di tutta la famiglia;
  • Sky Go per Sky Q: per gli abbonati Sky Q Platinum, è inclusa l’applicazione Sky Go, per la visione dei propri programmi preferiti da smartphone e da tablet quando si è fuori casa.

Offerta()

Sono diverse le offerte che Sky ha deciso di riservare per chi volesse entrare nell’universo di Sky Q, tra cui non mancano promozioni e sconti, da tenere sott’occhio monitorando il sito ufficiale. In linea generale, per Sky Q Platinum serve un contributo iniziale di 120 euro, a cui si aggiungono ovviamente i costi dei pacchetti di visione e degli altri servizi sottoscritti. Per i clienti abbonati da più di 6 anni, tuttavia, esistono dei prezzi speciali grazie al piano Extra. Sky Q Black richiede 79 euro come contributo iniziale, a cui si aggiungono sempre pacchetti e servizi sottoscritti.

Immagine: Sky