QR code per la pagina originale

Grand Theft Auto IV

Un'intera città realistica da esplorare e conquistare palmo a palmo

Voto WebNews
9,1
Data di uscita

29 Aprile 2008

Giudizi
  • Giocabilità8,8
  • Grafica9,1
  • Sonoro8,9
  • Multiplayer9,4
  • Longevità9,4
Pro

Coinvolgente, con decine di personaggi e centinaia di missioni realistiche. Grande varietà di ambienti, persone e armi. Comparto sonoro eccellente e personalizzabile

Contro

Le dimensioni degli spezzoni di gioco registrabili non sono costanti. La grafica soffre con configurazioni PC meno potenti. Il multiplayer online richiede due account. Missioni molto lunghe senza check-point intermedi

Di ,

Giocabilità

Grand Theft Auto IV è un’avventura all’interno di un mondo aperto, in cui la navigazione libera nell’immensa Liberty City si miscela sapientemente a missioni in stile “action criminale”, quali rubare macchine, uccidere, trasportare droga, scappare dalla polizia, partecipare a sparatorie e quant’altro di peggio la malavita abbia da offrire.

Uno degli elementi di forza del gioco è senz’altro la libertà di girare, incontrare personaggi e vivere gli eventi senza seguire un cammino unico e predefinito. Attraverso l’intelligente interfaccia di un telefonino virtuale, il gioco si dipana tra innumerevoli avventure primarie e secondarie, dalla visita al pub per ubriacarsi, alla serata davanti alla TV (con contenuti nuovi per ore!), all’uscita con gli amici al bowling o per giocare a freccette, alla serata all’Internet Café, alla corsa al parco, alla visita al locale a luci rosse, al cabaret, al giro in moto per i vicoli di Liberty…

Dal telefonino si potranno anche registrare spezzoni di azioni di gioco, per poi rivederle su schermo e persino riarrangiarle o personalizzarle nell’editor interno, aggiungendo filtri, scritte, cambiando la traccia sonora, ecc.

Inoltre, alla classica radio dei precedenti episodi sono stati aggiunti altri due nuovi e potenti mezzi mediatici: TV (già menzionata) e Internet. Infatti, in Grand Theft Auto IV si potranno non solo raccogliere e usare oggetti, ma consultare anche annunci personali, fare telefonate, rispondere alla mail, prendere appuntamenti, andare con prostitute e leggere i giornali.

Notevole anche l’interazione con tutti gli elementi di gioco, dagli ambienti circostanti (distruttibili durante le sparatorie) agli oggetti (computer delle macchine della polizia, TV…). Interessante poi la nuova modalità Camera-Mode, in cui, selezionando un protagonista, si potrà osservarlo in automatico senza dover muover la visuale.

Si conferma poi una delle grandi abilità del team Rockstar, ovvero quella di raccontare storie e creare emozioni con protagonisti assolutamente credibili. Nel gioco incontrerete 7 personaggi principali, 17 di supporto e 31 secondari, e ognuno è caratterizzato da uno stile ed una storia propria. Ad esempio, Niko, l’immigrato con il suo passato da combattente, la sua abitudine ad uccidere, ma anche l’attaccamento alla famiglia e la sensibilità per gli amici, è il volto perfetto per la carriera da delinquente che il gioco chiede di perseguire. E poi il cugino Roman, folle sognatore che crede di essere un grande imprenditore, ma che è sempre circondato da criminali. E i tanti altri volti che lasciano un segno nelle memoria di chi li conosce giocando: Packie McReary, teppista irlandese fratello del poliziotto corrotto Francis McReary; Dimitri Rascalov, criminale russo guardiaspalle di Mikhail Faustin e traditore di Niko; Little Jacob, trafficante di armi giamaicano, amico di Roman e pronto ad assistere in missioni pericolose; Brucie Kibbutz, amico di Niko e gestore di un garage che copre i furti di auto; Dwayne Forge, criminale afro-americano incallito e pericoloso per i suoi traffici di droga.

Nella grandissima varietà di luoghi, episodi ed emozioni, Grand Theft Auto IV ha introdotto, per la prima volta, la possibilità di scegliere (ponendo il giocatore di fronte a profondi dilemmi morali): uccidere o lasciare in vita un avversario? Uccidere solo la vittima designata o fare una strage? Il finale stesso del gioco sarà determinato da una precisa scelta del protagonista: vendetta o accordo saranno le due possibilità su cui riflettere a lungo!

Giudizio tecnico

Il lavoro grafico dei Rockstar è ottimo, con fini rappresentazioni di luce e animazioni realistiche. Il ritorno al passato col motore grafico Rockstar Advanced Game Engine, migliorato con le animazioni del motore Euphoria (in sostituzione del precedente Renderware), garantisce ottimi risultati visivi.

Gli scenari sono tra i più realistici mai visti in un videogioco, ma mostrano anche il margine di miglioramento esistente sia in termini di grafica (rifinibile nei dettagli) che di fluidità in condizioni estreme (traffico maggiore, condizioni meteo più severe) che oggi possono causare leggeri rallentamenti o difficoltà di settaggio ottimale.

In tal senso, la versione PC presenta notevoli migliorie tecniche rispetto alle versioni per console: risoluzione massima di 2.560×1.600 (su Xbox 360 era di 1.920×1.080), quasi triplicato il numero massimo di oggetti animati (vetture, pedoni, ecc.) su schermo contemporaneamente, nuovi effetti (fumo e pioggia) e filtro antialiasing a 16x.

Come in moltissimi altri giochi PC, le impostazioni grafiche di Grand Theft Auto IV sono automaticamente calcolate dal gioco, sulla base dell’hardware disponibile. Il framerate è eccezionale con un computer molto potente, ma i requisiti minimi sono davvero alti. Molti giocatori si ritroveranno esclusi o costretti a usare risoluzioni assai più basse e con rese meno realistiche. I “settaggi” sono comunque personalizzabili a mano e si potrà andare a tentativi nell’ottimizzazione.

Il reparto audio è da sempre uno dei punti di forza di GTA. Grand Theft Auto IV propone, ad esempio, una buona colonna sonora interna, scritta da Michael Hunter, ma non sono che una piccola parte del grande juke-box a disposizione, che include 19 stazioni radio e oltre 200 canzoni, tutte di qualità e per ogni genere! Tre stazioni radio (Integrity 2.0, Public Liberty Radio e We Know The Truth) sono dedicate a talk show, mentre le altre 16 sono di pura musica.

Si potranno anche aggiungere le proprie canzoni preferite per ascoltarle su Independence FM, trasformandola così in una sorta di canale privato con inclusi DJ che criticano le nostre scelte musicali! Molto buone anche le voci e i dialoghi che aiutano a creare una grande atmosfera nei quartieri più malfamati.

I controlli sono ottimamente studiati per la piattaforma PC. L’utente può selezionare una doppia modalità, scegliendo il joypad per la guida e il mouse per le scene in cui ci sono violente colluttazioni a fuoco.

Molto utile per la longevità anche la modalità multiplayer in cui, ai classici scontri Deathmatch, si uniranno delle nuove, intriganti avventure malavitose, come corse folli in auto o inseguimenti guardie contro ladri, o il nuovissimo Hangman’s Noose in cui, assieme a tre amici, scorteremo un capomafia in un obiettivo prestabilito. L’aumento a 32 giocatori online consentirà la nascita di veri e propri clan e garantirà il divertimento a ogni partita. Unico neo nella strategia online è la scelta di richiedere due account attivi: l’account di Windows Games (gratuito) e quello di Rockstar Social Club (essenziale per il multiplayer e per metter su Internet i filmati dal gioco).

Realizzazione grafica molto attraente, musiche ispiratrici, giocabilità immediata, longevità tendente all’infinito… Rockstar ha davvero prodotto il gioco dell’anno!