QR code per la pagina originale

Resistance 3

Nuovo eroe, stessa guerra per la sopravvivenza

Voto WebNews
9,1
Data di uscita

7 Settembre 2011

Giudizi
  • Giocabilità9,3
  • Grafica9,0
  • Sonoro9,5
  • Multiplayer8,9
  • Longevità9,0
Pro

Resistance 3 conquista con una campagna in singolo assolutamente fenomenale e una controparte online di prim'ordine. Una trama ispirata e una validissima componente audiovisiva completano un quadro di assoluta eccellenza.

Contro

Modalità online ridimensionate riducendo il numero di giocatori coinvolti... anche se la solidità delle meccaniche di gioco, competitive e cooperative, è fuori discussione.

Di ,

Trama

Resistance 3, ultima fatica di Insomniac Games in esclusiva per Playstation 3, è l’evoluzione massima del concept alla base dei precedenti capitoli. L’esperienza di gioco proposta, stavolta, è decisamente più intima e incentrata su eventi che coinvolgono direttamente il nuovo protagonista di gioco, Joseph Evan Capelli (personaggio comprimario fondamentale nella trama di Resistance 2), fornendo una visione del conflitto con i Chimera decisamente diversa rispetto al passato, ma senza rinunciare alla sensazione di partecipare ad un conflitto su scala planetaria. Le ambientazioni proposte, e più in generale i toni della narrazione, sono molto più cupi e orrorifici.

I Chimera hanno iniziato a trasformare il pianeta per renderlo simile al loro mondo di origine, e un varco dimensionale si è appena aperto sopra i cieli di New York. Nonostante gli eventi di gioco siano ambientati sul suolo americano, la guerra che viene ritratta in Resistance 3 non è strumentalizzata da messaggi propagandistici, né fa parte di quelle istantanee videoludiche che ritraggono le solite fazioni eroicamente impegnate contro il male che minaccia le fondamenta occidentali.

La guerra di Resistance 3 è una lotta per la sopravvivenza dell’intero genere umano e, stavolta, le proporzioni dell’invasione aliena che minaccia l’esistenza della Terra, così come la conosciamo, appaiono quasi insormontabili.

 

È in questo contesto apparentemente senza futuro che il protagonista, Joseph Capelli, viene chiamato ad intervenire nella disperata missione che ha come obiettivo la chiusura del varco dimensionale nei cieli di New York. Capelli non è solo un ex-soldato, ma anche un marito e un padre. Per questo, inizialmente restio a lasciare moglie e figlio, non si sottrae poi a quella che invece è la sua unica possibilità di preservare un futuro per sé, la sua famiglia e, indirettamente, tutto il genere umano. Una volta presa coscienza di questa dura verità, Joseph è pronto a compiere il suo destino… e sarete voi a guidarlo!

Pad alla mano, Resistance 3, offre un avvincente livello di sfida, sfoggiando meccaniche di combattimento ben rodate. È stata perfino prevista la possibilità di utilizzare PlayStation Move come periferica di controllo, ma la precisione offerta dal sistema di puntamento non è sufficientemente elevata da garantire la sopravvivenza nelle situazioni di gioco più concitate, quando i nemici Chimera vi aggrediranno da ogni direzione. A prescindere dal metodo di controllo che deciderete di adottare, l’arsenale di Resistance è semplicemente sensazionale, come da tradizione. Alla serie di armi che hanno reso unico questo sparatutto è stato affiancato, inoltre, un sistema di potenziamento automatico, correlato alla percentuale di utilizzo di una specifica bocca da fuoco.

Fra battaglie su larga scala e giganteschi boss, la varietà non è certo un elemento carente nella ricetta di gioco. Anche la presenza di livelli atipici, su barche o treni, è ben bilanciata e contribuisce a mantenere sempre alta l’attenzione del giocatore, costantemente coinvolto sia dalla trama avvincente che da situazioni di gioco stimolanti. La campagna in singolo di Resistance 3, così abilmente strutturata, offre un’emozionante e cinematografica esperienza di oltre dieci ore, controbilanciata da una validissima componente multiplayer… anche se è doveroso avvisare che, forse più per scelta che per effettivi limiti tecnici, questo specifico settore è stato leggermente ridimensionato: i 60 giocatori online, che Resistance 2 era in grado di gestire, sono stati ridotti a 16.

Una scelta che, onestamente, non fa altro che offrire sessioni online molto meno caotiche e più in linea con l’impostazione dalla campagna di Resistance 3. Oltretutto, l’online è stato arricchito con un nuovo sistema di Abilità, sostanzialmente equivalenti ai perk degli altri sparatutto che prevedono scontri online, capace di conquistare anche gli affezionati fan dei precedenti capitoli di Resistance.

Fra le Abilità introdotte spiccano trovate interessanti, anche se non completametne originali, come la possibilità di proiettare immagini olografiche di sé, oppure un sistema di mimetizzazione dinamico in stile Predator. Ai potenziamenti del vostro alter ego si aggiungono quelli delle armi, correlati alla crescita di livello del personaggio. A livelli più elevati corridponde un arsenale più ampio, popolato di armi più efficienti e letali.

Resistance 3 non offre solo modalità di gioco online competitive classiche (Deathmatch, Deathmatch Small, Team Deathmatch, Capture the Flag) e basate su obiettivi (War Games), ma spazia anche nel settore cooperativo. Anche in questo caso, il numero massimo di giocatori ai quali i fan di vecchia data si erano abituati è stato ridotto da 8 a soli 2 partecipanti. Presente anche il coop in split-screen, offrendo la possibilità di gustarsi Resistance 3 anche con un amico dal vivo.

Tecnicamente non si raggiungono le vette di eccellenza di Killzone 3, ma non c’è molto da contestare ad una realizzazione solida e impeccabile sotto tutti i punti di vista. Sopratutto, Resistance 3 si distingue per lo stile visivo adottato, che da sempre contraddistingue la trilogia targata Insomniac Games.

E se non è sul versante grafico che Resistance 3 raggiunge vette di eccellenza, lo fa senz’altro nell’ambito delle componenti audio, assolutamente fenomenali per quanto riguarda l’effettistica e il doppiaggio dei personaggi. La colonna sonora, infine, contribuisce a mantenere sempre costante il livello di tensione.