QR code per la pagina originale

Anche Microsoft volerà tra le “nuvole”?

,

Dopo l’annuncio di iCloud da parte di Apple, si rincorrono le voci su un possibile approdo di Microsoft nel settore del cloud computing. L’azienda di Redmond ha già a disposizione alcuni elementi ritenuti fondamentali per questo tipo di tecnologia.

Dopo una decina d’anni di investimenti, Microsoft si ritrova ora con oltre 500 milioni di utenti iscritti ai vari servizi, ovvero Xbox LIVE, SkyDrive, Hotmail e Messenger. È quindi lecito aspettarsi una decisione dell’azienda di Redmond in previsione di una integrazione di tutti questi servizi in un prodotto unico.

Attualmente il piano iCloud di Apple mette a disposizione diverse applicazioni di iOS ad una serie di dispositivi (iPad, iPhone, iPod touch, Mac o dispositivi PC), oltre a 5 GB di spazio a disposizione gratuitamente per salvare e gestire i propri file.

Ma Microsoft SkyDrive è stato il primo, sin dal 2007, ad offrire spazio gratuito per salvare documenti. Oggi SkyDrive ha 100 milioni di iscritti e 2,2 petabyte di dati sincronizzati in 5 milioni di dispositivi collegati tramite Windows Live Mesh.

Contemporaneamente Hotmail, sin dal 1996, si è sempre rivelato come uno dei migliori servizi di posta elettronica. A questo si aggiunga Xbox, la piattaforma ideale per accedere facilmente a tutti questi servizi con un dispositivo nato per il gioco, ma diventato nel tempo un prodotto multimediale completo. A Microsoft, quindi, non mancherebbe nulla per poter avviare un suo servizio basato sul cloud per contrastare, anche in questo campo, Apple.

Notizie su: