QR code per la pagina originale

Tweet promozionali insieme a tutti gli altri

Dopo infiniti proclami, Twitter si appresta a far comparire tweet promozionali nella timeline. Una svolta che ancora deve essere compresa nei suoi effetti.

,

I tanto attesi promoted tweets, i cinguettii promozionali su Twitter, stanno per diventare una realtà vera nel flusso del Web. Dopo un affannoso dibattito, tra primi test, esperienze e dietrofront, questa volta il microblogging fa sul serio.

Nelle prossime settimane l’ambiente delle reti sociali forse meno contaminato dalla pubblicità si aprirà a contenuti pubblicitari senza distinzione. Come spiega nel blog ufficiale, rendendo molto più semplice sia vederli che anche eliminarli dalla propria vista.

“Stiamo introducendo un modo per garantire che i tweet più importanti da parte dei marchi vi raggiungano direttamente, ponendoli in corrispondenza o vicino alla parte superiore della timeline. Questi tweet promozionali scorreranno lungo la timeline come tutti gli altri, ed esattamente come per i tweet regolari, appariranno nella timeline una volta sola. Il tweet promozionale può anche essere facilmente cancellato con un solo clic.”

Questa è una mossa certamente delicata, perché è la più invasiva mai attuata. Fino a ora, i tweet promozionali venivano mostrati solo come risultato di una ricerca o lungo le barre laterali dell’utente in caso fosse un trend. Invece presto appariranno direttamente nel flusso, con un avvertimento: vedremo soltanto gli advertising da account che già si seguono.

In questa fase iniziale nel flusso dei tweet si faranno notare le aziende che già hanno stretto accordi con la società californiana, come StarBucks, Gatorade, Groupon, oltre a un certo numero di associazioni no-profit a partire dalla Croce Rossa.

Mashable ha già fatto un sondaggio sull’argomento, dove pare che gli utenti siano spaccati in tre: coloro che si sentono disturbati da questa possibilità, chi lo considera un servizio interessante, e chi sa già che li cancellerà senza perderci tempo. E voi, cosa ne pensate?

Notizie su: