QR code per la pagina originale

Chiude il festival di Pisa con una fake nevicata

Ultimo giorno di festival di Pisa. Si parlerà di economia, etica del piacere, felicità digitale, informazione: e fake nevicata al ponte di mezzo.

,

Il lato buono del web, economia X.0. cibo e etica del piacere, digital happiness, il futuro dei giornali nell’era digitale e molto altro, compreso l’ideologo del nuovo autonomismo catalano, Joan Subiratz: sono questi alcuni dei punti forti dell’ultima giornata, domenica 8 ottobre a Pisa, dell’Internet Festival.

La quarta giornata di #IF17 si aprirà alle ore 11 al Centro Congressi Le Benedettine con il panel su Sentimenti o emozioni? con la blogger Stella Pulpo e la giornalista Claudia Fusani, per proseguire con la youtuber e scrittrice Eleonora Olivieri, intervistata da Luigi Rangoni sul tema vita digitale dei giovani.

Un ospite clamoroso alle 15 è in programma l’intervento del sociologo Joan Subirats, fondatore dell’Istituto di Governo e Politiche Pubbliche presso l’Università Autonoma di Barcellona, uno dei consiglieri della sindaca della città catalana e ideologo del referendum di cui hanno parlato in tutto il mondo. A poche ore dalla grande manifestazione per l’unità della nazione spagnola sotto l’egida dello slogan hablamos, sarà interessante sentire la sua opinione.

Dopo molta riflessione sui limiti, i pericoli e le storture del web, si parlerà anche del lato buono del web, incontro dedicato alla relazione tra felicità e Internet e alle ultime iniziative europee in materia di Digital Social Innovation, condotto dalla digital strategist Cora Francesca Sollo. Tra i relatori, Maurizio Tesconi, ricercatore del CNR, analizzerà il fenomeno dei selfie; la sociologa e scrittrice Anna Akbari affronterà il tema della Digital Happiness; il giovane ricercatore di Nesta Matt Stokes parlerà di innovazione sociale digitale in Europa, mentre la giornalista Rosy Battaglia si soffermerà sull’utilizzo del web come strumento per promuovere sfide sociali e battaglie civili.

Nel programma, si segnala la tavola rotonda Il Futuro dei giornali nell’era digitale (ore 15 alla Scuola Normale), coordinata dal direttore di IF2017 Claudio Giua.

Al Teatro Sant’Andrea alle ore 17 invece un po’ di filosofia col professor Remo Bodei, che interverrà su uno dei suoi temi forti, la Geometria delle passioni, una riflessione, che prende le mosse dal suo libro, su quanto il contrasto tra ragione e passioni abbia decretato il fallimento di ogni etica e di ogni politica.

Protagonisti del pomeriggio le giovanissime star del web: al Teatro Verdi alle ore 14 ci sarà Luciano Spinelli, classe 2000, tra i principali Muser in Italia, con più di mezzo milione di follower, oltre 75 milioni di cuori sull’app Musical.ly e un account Instagram da 500.000 fan; al Teatro Sant’Andrea alle ore 16 Sabrynex, una carriera iniziata a 15 anni quando su Wattpad pubblica il suo primo romanzo, che raggiunge i 2 milioni di lettori.

A partire dalle 18, per la chiusura di #IF2017, occhi puntati su Ponte di Mezzo per una “vera fake news” una nevicata sul ponte a beneficio di fake-selfie e video da condividere sul web, magia possibile grazie all’installazione con macchine spara-neve a cura dell’architetto Luigi Formicola di Fondazione Sistema Toscana.

Un Internet Festival che, come da programma, è molto legato ai sentimenti, alle emozioni, ma anche ai prodotti tecnologici della loro manipolazione.