QR code per la pagina originale

Apple pronta ad entrare nel mondo del VOIP ?

,

Da uno screenshot di iChat (per chi non lo conoscesse è uno dei piu utilizzati programmi si instant messenger sotto mac) pare che apple nella sua prossima versione di MacOSX – 10.5 nome in codice “Leopard” – sia pronta ad abbracciare ed integrare nel proprio sistema operativo la possibilità di effettuare e ricevere chiamate tramite la tecnologia voice over ip.

Non ci è dato sapere se questa nuova feature resterà integrata a iChat e permettera solo la comunicazione fra utenti mac o se la cosa verrà estesa alla telefonia “tradizionale” sull’onda del recente iPhone, fatto sta che apple sta viaggiando verso il mercato della telefonia e del mobile.

Ipotizzando che Apple sia intenzionata a diventare una VoIP-company la cosa non sarebbe cosi semplice, specie in italia dove le normative sono piu incomplete e le procedure piu complesse che all’estero, dove il voip è oramai utilizzatissimo.

Se infatti Apple decidesse di lanciare in italia i propri servizi telefonici dovrebbe innanzitutto scegliere se diventare un operatore telefonico con relativa licenza PATS (decisamente improbabile) o un operatore voip con licenza ECS (Electronic Communications Services) che comporta minori obblighi per l’operatore e sicuramente minori costi.

Con questa licenza l’operatore è in grado di fornire numeri nomadici con prefisso 55 – che per altro dovrebbero essere lanciati a breve – e di avere proprie infrastrutture e minori obblighi formali rispetto agli operatori tradizionali.

Sicuramente apple avrebbe forti ribassi sulle tariffe all’ingrosso rispetto ai concorrenti, spece se volesse estendere la propria attività in diversi paesi l’interconnessione tra i propri utenti dislocati in varie parti del mondo tenderebbe quasi a zero, con relativi costi irrisori per l’utente finale.

Anche l’integrazione con il sistema operativo giocherebbe un ruolo fondamentale: trovando il software di voip ben integrato nel sistema operativo l’utente sarebbe piu portato ad utilizzarlo senza ricorrere a soluzioni esterne, un esempio tangibile è l’integrazione di internet explorer in windows: se non fosse stato integrato non avrebbe avuto nemmeno la minima parte della diffusione che ha oggi.

Certo va considerato che il mercato della telefonia mobile è un busisness non facile e con molta concorrenza, sicuramente una società come apple dovrebbe dedicare molte risorse al servizio voip, magari considerando una futura integrazione con una rete mobile per cellulari (come operatore virtuale) in america e relativi investimenti.

Vedremo cosa ci riserverà la casa della mela nel futuro, ma secondo voi Apple avrebbe un futuro nel mercato della telefonia voip/mobile o sarebbe destinata ad estinguersi come il vecchio apple cube?

Video:Conio Accelera, i costi di rete