QR code per la pagina originale

Apple e il multi-touch

,

Apple di solito è particolarmente misteriosa per quanto riguarda i progetti futuri.

Nonostante ciò, i rumors fanno regolarmente comparsa per anticipare le uscite imminenti.

Certamente sono una forma di pubblicità efficace che crea molte aspettative tra gli utenti appassionati.

In queste ore, a proposito, è trapelata una notizia che sta attirando l’attenzione di molti siti.

Lo staff di Apple Insider ha intercettato una ricerca di personale da parte di Apple secondo la quale si starebbe cercando un ingegnere che si dovrà focalizzare nella guida di un gruppo di lavoro dedicato allo sviluppo di pannelli multi-touch da usare in prodotti Apple.

Apple aggiunge che sarebbe preferito un candidato con esperienza nello sviluppo e nella produzione di display in grandi volumi.

Questa notizia conferma pienamente le previsioni che vedono l’uscita di un iPod multi-touch entro la fine dell’anno, ma non solo!

Indiscrezioni che circolano in rete da tempo, sostengono che in occasione del NAB (14-19 aprile), oltre a quello di cui abbiamo già accennato, si assisterà a una progressiva introduzione sul mercato da parte di Apple di display multi-touch.

I nuovi monitor arriverebbero in concomitanza con un completo rinnovo (anche nel design) della famiglia dei MacPro.

Per non rovinare il lancio di Leopard, però, è probabile che i nuovi monitor non vengano presentati finchè MacOSX 10.5 non sarà pronto.

Sempre secondo altri rumors, infatti, la feature segreta di maggior rilievo di Leopard (macOSX 10.5) che dovrebbe essere presentata al prossimo keynote, sarebbe proprio la possibilità che l’utente interagisca col Mac e lo comandi ANCHE attraverso l’uso di uno schermo multi-touch, una funzionalità utilizzabile in anteprima su iPhone ovviamente. Ricordiamo, infatti, che iPhone funziona con una versione “alleggerita” di Leopard e fa grande uso del multi-touch.

Se queste previsioni dovessero rivelarsi veritiere è probabile che Apple estenda gradualmente queste funzionalità a tutti i Mac. In questo scenario è più facile immaginare il futuro lancio di un nuovo piccolo portatile o sub-notebook di Apple di cui si parla su internet da tempo.

Tutto ciò spiegherebbe i ritardi nel lancio di Leopard e di iLife e i mancati aggiornamenti delle altre macchine (ormai notevolmente datate).

Se anche solo parte di queste indiscrezioni dovessero realizzarsi Apple finirebbe per rivoluzionare per l’ennesima volta il mondo dell’informatica; dunque vale la pena di rimanere in ascolto e vedere cosa Jobs tirerà fuori dal cilindro magico questa volta.