QR code per la pagina originale

Social networking, l’alternativa di Microsoft

E' partita la prima di una serie di comunità online Microsoft basate sulla matrice dei social network come MySpace ed incentrate su argomenti 'business' specifici. L'obiettivo è mettere in relazione i lavoratori partendo da tematiche professionali

,

Ancora non ha un nome ma già è attivo il social network targato Microsoft. Si tratta di una serie di comunità online che hanno l’obiettivo di riunire, secondo le dinamiche rese note dal successo di MySpace, utenti interessati o lavoratori di un ambito specifico.

La prima community a prendere il via è relativa a Dynamics ed è incentrata sulla finanza. Al momento sono online forum, blog e chat incentrati su topic o argomenti specifici nei quali è possibile scambiare consigli e aumentare la propria conoscenza di un determinato ambiente software o tipologia di lavoro ed è prevista anche la creazione di piccoli wiki.

Quello del social networking era uno dei pochi ambiti in cui il gigante di Redmond ancora non si era misurato e, come spesso è capitato, l’azienda di Bill Gates ha atteso un po’ di tempo affinchè si chiarissero le dinamiche di business relative prima di mettere sul banco la propria proposta. «Ci abbiamo pensato un po’ e ci siamo chiesti se ci fosse il desiderio o il bisogno di comunità che connettano i lavoratori, non per parlare di tecnologia, ma di affari.», parola di Craig Dewar direttore del community marketing for Microsoft Business Solutions.

La comunità è strutturata per avere forti contatti con l’esterno, sarà possibile dare un voto ai contenuti della rete ed in tal modo ordinarli (concetto valido anche per i contenuti prodotti internamente alla comunità), nello stile di servizi “2.0” quali YouTube. Tuttavia al momento chi ha provato il servizio riporta come la prima community messa in piedi sia molto incentrata sull’azienda di Redmond e su come usare al meglio la sua offerta software. La versione ufficiale, nelle parole di Satya Nadella, corporate vice-president di Microsoft Business Solutions, è però leggermente diversa: «dovete immaginarlo come un MySpace per professionisti della finanza».

Per evitare quindi la trappola dell’autoreferenzialità il sito è organizzato in modo che le pagine degli utenti siano altamente personalizzabili, con profili ad hoc e una serie di suggerimenti su altri utenti con profili simili e interessi congruenti. Inoltre, sempre con questo scopo, per il futuro prossimo già è possibile intravedere comunità incentrate su sales&marketing, risorse umane e information technology, riferimenti ove sia possibile mettere in contatto utenti non solo sulla base di argomenti di ordine tecnologico.

Ma la novità nell’impostazione di queste comunità non sarà solo di natura contenutistica, ma anche tecnica. Infatti Microsoft fornirà il sito ma non gestirà in prima persona la community, il cui nome è ancora in via di definizione: come per le altre impostazioni, toccherà agli utenti trovarne uno.

Video:Chef Barbieri e Learning360 Award Pasquale Ruju