QR code per la pagina originale

Tiepidi entusiasmi per la AppleTv

Arrivano in rete le prime recensioni del nuovo prodotto Apple, il device che tramite WiFi consente di vedere in televisione i video scaricati sul computer. Uno dei primi strumenti in questo senso che tuttavia pare lontano dalla perfezione

,

La AppleTv è già nei negozi (reali e virtuali) di Apple ma molti giornalisti e blogger hanno avuto modo di provarla con una settimana di anticipo. Il risultato è che le opinioni che si rincorrono in rete non sono troppo diverse l’una dall’altra: la AppleTv è un buon prodotto ma sostanzialmente immaturo.

Immaturo perchè nonostante abbia molte caratteristiche vincenti (dal design, all’ottimizzazione automatica dei contenuti per la tv) e sia un oggetto di cui in molti sentono bisogno, ancora subisce il peso di un sistema come al solito eccessivamente chiuso e con poche alternative. Per esempio la AppleTv non funziona se non su un televisore Widescreen e i filmati che si vogliono vedere devono passare attraverso iTunes, ovvero devono essere aggiunti alla libreria iTunes e, se ce n’è bisogno, «ri-encodati» nel formato che il lettore video-musicale Apple preferisce.

Apple Tv

Blogger e giornalisti, per l’occasione, si sono scatenati in video recensioni del prodotto che danno modo di vedere in azione il sistema di browsing e la connettività. Gizmodo mostra tutta la sequenza della prima connessione dell’apparecchio, Cnet News ne fa una recensione molto formale mentre Walt Mossberg del Wall Street Journal (il cui video è ripreso da quelli di NewTeeVee) ne parla con toni delusi senza mostrarne immagini in azione.

A detta di molti l’hard-disk da 40Gb è sarebbe eccessivamente limitato e nonostante una connessione WiFi allo stato dell’arte, l’esperienza di navigazione non è il massimo anche per colpa di un telecomando che, tra le altre cose, non ha altre funzioni se non comandare la AppleTv.

I ragazzi di Gizmodo puntualizzano inoltre come innanzitutto ci sia bisogno dei cavi A/V (non sono compresi nella confezione) e soprattutto si sottolinea il fatto che mentre si guardano contenuti in streaming occorre aspettare che il buffering di tutto il video sia finito. Altra pecca pare essere il fatto che la AppleTv dimostri di potersi connettere alla rete autonomamente (senza passare per il pc) nel caso di aggiornamenti, ma per tutto il resto (come per esempio per gli acquisti) occorre necessariamente fare riferimento ad iTunes.

Video:Netflix Calibrated Mode sulle TV Sony Bravia