QR code per la pagina originale

Gmail si blocca per la terza volta in un mese

Continuano i problemi per il servizio di posta di Google che solo nel mese di Marzo ha avuto tre momenti in cui non era possibile inviare o ricevere la posta, senza che ci fossero comunicazioni specifiche in merito dalla società

,

Fino a pochi mesi fa era considerata una delle web application più solide della rete, invece ora la reputazione di Gmail (e per estensione anche quella degli altri web software di Google) è meno solida. Prima c’è stata la cancellazione per errore di tutta la posta di alcuni utenti, poi per 3 volte in un mese il software ha avuto dei momenti di down in cui non era possibile nè ricevere nè inviare posta.

La prima paralisi è stata il primo Marzo: per 8 ore alcuni utenti non hanno potuto utilizzare il servizio principale di Gmail. Il 12 Marzo la stessa cosa, ma per sole due ore. Infine il disservizio più grosso si è verificato martedì scorso quando per quasi mezza giornata (dalla mattina alla sera) non è stato possibile per molti utenti nè inviare nè ricevere posta, senza che fosse emanato alcun avviso sui blog ufficiali del gruppo fino almeno al pomeriggio inoltrato. Ad aggiungere gravità alla situazione c’è poi anche il fatto che ad essere colpiti più di altri sono stati in particolare gli utenti Gmail che lo utilizzano come parte della suite Google Apps, sia coloro i quali accedono alla versione gratuita sia quelli che pagano per un supporto continuativo.

I problemi arrivano in un momento in cui Google punta molto sulle sue applicazioni SaaS (software as a service), che dopo qualche anno di sperimentazione e beta testing mirato a perfezionarle sono state riunite in un pacchetto e proposte come alternativa alla suite Office di Microsoft. Simile mole di problemi, le cui cause ancora non sono state rese note e che hanno messo in risalto anche la lentezza dello staff a dare una risposta agli utenti, non giunge dunque nel momento più opportuno. E proprio per cercare di rimediare nei confronti di coloro i quali pagano anche per avere un supporto continuativo, Google ha comunicato loro che estenderà gratuitamente la sottoscrizione annuale a Google Apps di 15 giorni.

Video:Google lancia Gmailify